ABBANDONATO NEL PARCO PER PUNIZIONE E LUI SPARISCE

568
parco

Svolgere il ruolo del genitore probabilmente è uno dei compiti più difficile da assolvere. Bisogna saper dosare i rimproveri, riconoscere quando i figli meritano un elogio, dare punizioni se viene commesso uno sbaglio, ma è di fondamentale importanza che il castigo sia proporzionato all’errore. Probabilmente la pensano diversamente due genitori giapponesi che hanno deciso di abbandonare il loro figlio di appena 7 anni da solo nel bosco: questa la punizione per aver lanciato dei sassi contro alcune vetture stazionate.

La famiglia stava rientrando a casa dopo una gita nel parco, quando il piccolo ha lanciato delle pietre contro alcune automobili. I genitori hanno quindi deciso di punirlo abbandonandolo momentaneamente, secondo la loro versione, per poi tornare indietro poco dopo. Dopo essere tornati sui loro passi l’amara sorpresa: il bambino era scomparso. In un primo momento i genitori hanno raccontato alle autorità di aver perso di vista il piccolo, per poi capitolare e raccontare la verità.

Da due giorni sono in corso le ricerche delle forze dell’ordine e di alcune squadre di soccorso per trovare il bambino nell’area montagnosa dell’Hokkaido. Un portavoce della polizia si è detto molto preoccupato in quanto l’area, essendo un parco, è abitata da fauna selvatica, tra cui anche gli orsi.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS