SI CHIUDE OGGI IL FESTIVAL DELLA COMUNITÀ DEL “CORPUS HOMINIS” A BRESCIA Ad Ascoli Piceno, invece, si tiene “Bucolica 2016”, la manifestazione della Federazione anziani e pensionati delle Acli

410
corpus homini

Si chiude oggi “L’anima della città”, il Festival della Comunità del “Corpus Hominis” a Brescia (dal 22 maggio), con il patrocinio dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana e del Pontificio Consiglio della Cultura, nella settimana del Corpus Domini, in cui si onora e si adora il “Corpo del Signore”, spezzato e donato per la salvezza di tutti gli uomini. L’iniziativa si propone di “suscitare l’attenzione dei poveri d’anima, aiutandoli a riscoprire la dignità di cittadini di una città che vorrebbe continuare a essere fidelis fidei et iustitiae’”, come si legge sulla scritta incisa sulla facciata del Palazzo della Loggia, sede storica del Comune e a cui la città è consacrata.

Ad Ascoli Piceno si tiene “Bucolica 2016”, la manifestazione organizzata per l’intera giornata dalla Federazione anziani e pensionati delle Associazioni cristiane lavoratori italiani (Acli), in collaborazione con i Giovani delle Acli, l’Ipsia, l’Associazione “Cose di questo mondo” e la Cooperativa “ll Melograno”, presso il Circolo Acli di Venagrande “Associazione amici dell’arte e dello sport”. Alle ore 9, la Santa Messa presso la Parrocchia S. Maria Assunta.

La notte scorsa, cristiani, ebrei, musulmani, indù e buddisti si sono incontrati in preghiera a Parigi, nella chiesa cattolica di Saint-Merry, nella “Nuit sacrée”. In rappresentanza dei cristiani è intervenuta la Comunità di Taizé, i cui canti a più voci su testi biblici sono conosciuti in tutto il mondo. L’incontro è stato organizzato da “Coexister”, un movimento interreligioso giovanile nato nel 2009 per promuovere il dialogo, la solidarietà e la “convivenza attiva” tra credenti di diverse fedi, e contribuire così alla costruzione di una società più giusta e umana. Aderiscono oltre duemila persone in tutta la Francia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS