MESSAGGIO DEL CAPO DELLO STATO PER LE GIORNATE DEL LAVORO Nel nostro Paese, c'è sfruttamento, caporalato, lavoro sommerso, illegalità, discriminazioni

533
Messaggio di Mattarella per le Giornate del lavoro

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha inviato un messaggio alla Cgil in occasione delle Giornate del lavoro, che si tengono in questi giorni a Lecce (da venerdi 27 a domani, domenica 29 maggio), per la terza edizione.

Il Capo dello Stato ha parlato dello sfruttamento dei lavoratori, degli abusi e del lavoro nero. “Lo sfruttamento, con l’odiosa pratica del caporalato, il lavoro sommerso, le elusioni e le illegalità, come l’utilizzo improprio dei voucher, le discriminazioni, trovano ancora spazio nel nostro Paese”, ha detto nel messaggio.

Interventi mirati combattono questi fenomeni, ma occorre continuare a vigilare per sconfiggere le disuguaglianze, l’emarginazione, le povertà”. Infatti: “Il lavoro è elemento essenziale per la realizzazione della personalità di ciascuno, per la sua libertà, per la sua autodeterminazione. È partecipazione alla crescita e allo sviluppo civile del Paese. È costruzione di coesione sociale”. E ancora: “Il livello e la qualità del lavoro improntano il volto di una comunità, sono condizione per una cittadinanza piena”.

Nella giornata di oggi, a Lecce, partecipano, tra gli altri, il segretario confederale della Cgil, Nino Baseotto, e il viceministro Teresa Bellanova. Domani mattina, invece, nella terza e ultima giornata, ci saranno i presidenti delle Commissioni Lavoro di Camera e Senato, Cesare Damiano e Maurizio Sacconi. In chiusura, alle ore 19, l’intervista del Segretario del sindacato, Susanna Camusso, a cura del giornalista Massimo Giannini.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS