RISCOSSA NIBALI E NUOVA MAGLIA ROSA ALLA 19/MA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA Azzurro a 44'' da Chaves. Kruijswijk cade. Corsa finita per Zakarin: clavicola rotta

512
nibali

E’ l’azzurro Vincenzo Nibali a vincere, per distacco, la 19/a tappa del Giro d’Italia. Il tratto che va da Pinerolo a Risoul, ben 162 km, è una delle frazioni più dure della corsa rosa con la Cima Coppi ai 2744 metri del Colle dell’Agnello. Al termine della gara Nibali si è sciolto in un pianto liberatorio, dopo la grande impresa alpina. L’italiano dell’Astana si è appoggiato al manubrio e ha pianto a dirotto. E’ invece Esteban Chaves la nuova maglia rosa del 99/o Giro d’Italia di ciclismo. Il colombiano, adesso, precede in classifica Vincenzo Nibali di 44″ e Steven Kruijswijk di 1’05”.

Nuovo stop per Steven Kruijswijk, costretto a cambiare la bicicletta a causa dei danni meccanici riportati nella caduta. L’atleta si trova ora da solo all’inseguimento del duo composto da Chaves e Nibali che ha guadagnato 1′ e 15″ su di lui. In testa alla corsa il belga della Lotto Maxime Monfort. La maglia rosa era stata già protagonista di una caduta rovinosa in discesa poco dopo aver passato il Colle dell’Agnello, Cima Coppi del Giro. L’olandese è arrivato lungo in una curva perdendo il controllo della bicicletta e andando a sbattere contro il muro di neve e ghiaccio che limitava la strada. Kruijswijk si è dovuto fermare per rimettere a posto la bicicletta prima di lanciarsi all’inseguimento di NIbali e Chaves che erano con lui.

Altra brutta caduta al Giro  nella discesa del Colle dell’Agnello, pochi minuti dopo quella che ha interessato la maglia rosa Kruijswijk: ne ha fatto le spese un altro uomo di classifica, il russo Ilnur Zakarin, quinto. Il corridore è rimasto a lungo riverso per terra ma non ha perso coscienza. Per lui clavicola rotta e conseguente inevitabile ritiro.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS