STRAGE DI CAPACI: 5 RICHIESTE D’ERGASTOLO NEL PROCESSO BIS Gli imputati avrebbero avuto un ruolo decisivo nel reperimento dell'esplosivo. Il pm Sava: "Presto un procedimento ter"

505
strage di capaci

Il procuratore aggiunto di Caltanissetta Lia Sava ha chiesto cinque ergastoli nel processo bis per la strage di Capaci, nel quale morirono il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e tre uomini della scorta. La richiesta riguarda Salvatore “Salvino” Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello. Soggetti che avrebbero avuto una parte fondamentale sia nella fase organizzativa dell’attentato sia nel reperimento dell’esplosivo piazzato sull’autostrada.

Il materiale sarebbe stato procurato da Lo Nigro attraverso contatti con pescatori di Porticello che avevano recuperato in mare ordigni inesplosi della seconda guerra mondiale. Fondamentale, a questo livello dell’esecuzione della strage, è considerato il ruolo svolto dalla “famiglia” di Brancaccio guidata dal boss Giuseppe Graviano. Le responsabilità organizzative e operative della strage di Capaci del 23 maggio 1992 erano state fissate già nel primo processo concluso il 26 settembre 1997 con 24 ergastoli per Totò Riina, Bernardo Provenzano, Francesco e Giuseppe Madonia, Pippo Calò, Pietro Aglieri e altri componenti della “cupola”.

Pene inferiori erano state decise per i collaboratori Salvatore Cancemi, Giovan Battista Ferrante, Gioacchino La Barbera, Calogero Ganci e Mario Santo Di Matteo. In appello si aggiunsero altri cinque ergastoli. Il 16 settembre 2008 la Cassazione aveva confermato le condanne e chiuso il primo filone processuale per la strage di Capaci. Successivamente il quadro operativo e strategico seguito da Cosa nostra è stato arricchito dalle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza, che di fatto ha riscritto anche la strage di via D’Amelio in cui morirono Paolo Borsellino e la scorta, e da Fabio Tranchina e Cosimo D’Amato.

Le loro rivelazioni si sono saldate con quelle fatte in precedenza da tanti altri collaboratori. In questa fase processuale, ha ricordato l’altro pm Stefano Luciani, è stato ricostruito soprattutto il ruolo della cosca del mandamento di Brancaccio, che si è raccordata con il gruppo d’azione organizzato da Giovanni Brusca. Il gruppo di Brancaccio, ha sottolineato Lia Sava, si è incardinato nel “disegno stragista” di Cosa nostra. Si tratta, secondo l’accusa, di un “progetto unitario che tra il 1992 e il 1993 diede forza all’offensiva frontale nei confronti dello Stato”.

Il pm Lia Sava, durante la requisitoria, ha poi annunciato che presto sarà celebrato un processo ter . “Continueremo – ha detto – le indagini per cercare la verità sulle stragi. Ne abbiamo un obbligo giuridico e morale perché siamo consapevoli che nel procedimento concluso e in quello ancora aperto non può esserci tutto”. Sava ha indicato i temi da approfondire nel terzo processo da istruire: i mandanti esterni a Cosa nostra, i moventi plurimi delle stragi del 1992-93, le cointeressenze. Nel nuovo procedimento confluiranno le posizioni del superlatitante Matteo Messina Denaro e di altri tre indagati chiamati in causa dal nuovo collaboratore Cosimo D’Amato, il pescatore di Porticello che ha rivelato come l’esplosivo estratto dalle bombe ripescate in mare sia finito alla cosca di Brancaccio per essere utilizzato nella strage di Capaci.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS