ARABIA SAUDITA-IRAN: POSSIBILE UN ACCORDO PER IL PELLEGRINAGGIO A LA MECCA Teheran contesta a Riyadh l’imposizione del rilascio da parte di “una nazione terza” dei visti

602
la mecca

I colloqui con la delegazione di Teheran, avvenuti nei giorni scorsi in Arabia Saudita, si sono svolti in un clima “positivo”. È quanto dichiarato da un funzionario saudita che ha riportato i progressi per consentire la partecipazione dei pellegrini iraniani all’Hajj, il pellegrinaggio islamico alla Mecca. L’Hajj costituisce il quinto dei pilastri dell’Islam che obbliga ogni fedele che ne abbia le possibilità fisiche ed economiche a compiere, almeno una volta nella vita, i riti che compongono il pellegrinaggio.

Teheran e Riyadh sono da tempo ai ferri corti per l’assalto all’ambasciata saudita in Iran in risposta all’esecuzione di un dignitario sciita nel regno. La partecipazione dei pellegrini iraniani era stata annullata in un primo momento per un problema legato al rilascio dei visti che deve rilasciare l’Arabia. Il mese scorso durante un primo incontro le due parti non avevano trovato l’accordo per la partecipazione dei fedeli iraniani. In quel frangente Teheran aveva accusato Riyadh di “sabotaggio”; in risposta la leadership saudita aveva affermato che il regno “accoglie pellegrini da tutto il mondo”.

Nelle scorse ore i due fronti hanno discusso “le modalità del rilascio dei visti, così come l’organizzazione e i servizi”; un primo accordo è stato raggiunto sull’uso di “visti elettronici” che possono essere stampati da pellegrini iraniani. La firma di un accordo finale fra Iran e Arabia Saudita dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, al termine degli incontri fra le due delegazioni. Intanto continua a restare chiusa la missione diplomatica saudita a Teheran.

Teheran contesta a Riyadh l’imposizione del rilascio da parte di “una nazione terza” dei visti per partecipare all’Hajj; inoltre, i sauditi non vogliono concedere l’arrivo dei pellegrini a bordo di aerei di linea iraniani con voli diretti. Su entrambi i punti si cerca una mediazione soddisfacente per entrambe le parti, in modo da sbloccare la situazione.
In attesa di una risoluzione soddisfacente per entrambe le parti, continua a restare chiusa la missione diplomatica saudita a Teheran. Iran (sciita) e Arabia Saudita (sunnita) sono su fronti opposti in molte delle più importanti questioni che agitano lo scacchiere mediorientale, dal conflitto siriano alla guerra in Yemen.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS