BALOTELLI LASCIA IL MILAN, BERLUSCONI: “VIA ANCHE MEXES, BOATENG E ALEX” Il presidente rossonero: "Cinque partenze in tutto per fine contratto"

664
milan

Nella prossima stagione, Mario Balotelli non vestirà la maglia rossonera del Milan. Ad annunciarlo è proprio il presidente del club lombardo, Silvio Berlusconi, inserendo l’attaccante, ora in prestito dal Liverpool fino a giugno, fra le “molte partenze in vista. Ci sono Mexes, Alex, Boateng e altri, in tutto cinque partenze per fine contratto e poi certi altri nomi che riteniamo di mettere sul mercato – ha detto -. Balotelli? Anche lui finisce il contratto con noi”. L’annuncio di alcuni cessioni arriva all’indomani del rinnovo del capitano, Riccardo Montolivo, e di Luca Antonelli e Davide Calabria.

“C’è una cordata di imprenditori cinesi che sta trattando per l’acquisizione del Milan, ma ci tengo a precisare che non avranno mano libera di agire, nel senso che comunque mi terrebbero come loro punto di riferimento per far partire un progetto vincente. Mi è stato infatti chiesto di essere il loro tramite nel mondo del calcio ed europeo in generale, cose nelle quali posso risultare utile – prosegue Berlusconi -. Quando tra un mese si aprirà il calciomercato dovremo essere operativi e rinforzare l’organico, nel frattempo io potrei conservare la presidenza, visto che una condizione posta dai cinesi è che io resti in questa carica per almeno 3 anni”.

“In tantissimi mi chiedono di non vendere il Milan ai cinesi, ma purtroppo non si è fatto avanti nessun italiano per rilevare il club. Comunque si venderà soltanto alle mie condizioni”. Tuttavia, il presidente ha svelato il proprio intento di vendere il Milan. Per la società rossonero si profila un’importantissima svolta, ossia la chiusura dell’era Berlusconi almeno per come la si potrebbe intendere con l’imprenditore alla guida del club come è stato negli ultimi 30 anni. Per i rossoneri è necessario intraprendere un nuovo progetto calcistico, ma è altrettanto importante trovare i fondi economici necessari per attuare questo proposito.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS