MAWLAVI HEBATULLAH AKHUNDZADA E’ IL NUOVO LEADER DEI TALEBANI La "Shura" del gruppo fondamentalista ha confermato la morte di Mansour ed eletto all'unanimità il suo successore

626
talebani

E’ Mawlavi Hebatullah Akhundzada il nuovo leader supremo dei talebani afghani dopo l’uccisione del Mullah Mansour. L’elezione è avvenuta all’unanimità durante una “Shura” (Consiglio) dell’Emirato islamico dell’Afghanistan. Lo si apprende da un comunicato pubblicato nel sito web ufficiale del gruppo fondamentalista.

Nella loro dichiarazione i talebani hanno confermato anche che il Mullah Mansour è effettivamente morto a seguito del raid di un drone americano nella provincia pachistana di Baluchistan. Come vice del nuovo leader, la “Shura” ha nominato Sirajuddin Haqqani, membro della temibile Rete Haqqani, ed il Mullah Yaqoub, figlio del defunto fondatore dell’Emirato islamico, Mullah Omar. Originario della provincia afghana di Kandahar, il Mawlavi Hebatullah è conosciuto più per la sua attività religiosa che per quella militare.

Intanto negli Stati Uniti i vertici militari starebbero spingendo per ottenere l’autorizzazione di Barack Obama per effettuare nuovi raid aerei in Afghanistan per fermare sul nascere la nuova avanzata dei talebani. Il presidente Usa sarebbe, però, perplesso. Non solo per il timore di dove riaprire un capitolo che sembrava oramai chiuso. Ma anche – sottolineano alcuni osservatori – per non dare l’idea verso l’opinione pubblica di un ritorno dei talebani nel pieno della campagna elettorale per le presidenziali americane, a svantaggio di Hillary Clinton.

I servizi di intelligence da tempo hanno informato la Casa Bianca sulla campagna che i talebani vogliono sferrare nelle prossime settimane per riconquistare parte del territorio afghano. E i vertici militari statunitensi non smettono di sottolineare ad ogni occasione la debolezza delle forze afghane, che non sarebbero in grado di reggere l’onda d’urto. Per questo si renderebbe necessario colpire i talebani prima che partano all’attacco.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS