TURCHIA: ECCO LA SQUADRA DI YILDIRIM, ERDOGAN DIRIGE IL PRIMO CONSIGLIO Presentato il governo guidato dal fedelissimo del presidente. Omer Celik sostituisce Volkan Bozkir al ministero degli Affari Europei

659
premier yildirim

Il premier turco incaricato, Binali Yildirim, ha reso pubblica la lista dei ministri del suo governo, approvata dal presidente Recep Tayyip Erdogan. Il nuovo esecutivo di Ankara, che nei prossimi giorni andrà in Parlamento per la fiducia, sostituisce quello guidato dopo il trionfo elettorale di novembre da Ahmet Davutoglu, che si è dimesso per uno scontro con Erdogan sul passaggio a un sistema presidenziale. Tra i nomi nuovi, spicca quello del ministro per gli Affari Europei, che sarà l’ex portavoce del partito di governo Akp, Omer Celik.

La sostituzione di Volkan Bozkir, capo negoziatore con l’Ue e diplomatico di lungo corso, potrebbe indicare un cambio di strategia nei rapporti con Bruxelles. Per il resto, molte le conferme nei posti chiave. Mevlut Cavusoglu rimane ministro degli Esteri, mentre il genero di Erdogan, Berat Albayrak, sarà ancora il responsabile dell’Energia. Efkan Ala è stato confermato al ministero dell’Interno. Resta nel governo come vicepremier anche Mehmet Simsek, l’ex strategist di Merrill Lynch considerato una delle assicurazioni sulla tenuta della politica finanziaria di Ankara. All’Economia arriva invece Nihat Zeybekci, che aveva già occupato quella poltrona tra il 2013 e il 2015.

Il primo Consiglio dei ministri del nuovo governo turco sarà presieduto oggi nel suo palazzo presidenziale da Erdogan. In passato, il capo dello Stato aveva già diretto il Consiglio dei ministri, nonostante il ruolo non esecutivo dell’attuale presidenza turca. La scelta ha un forte valore simbolico, visto che Yildirim ha promesso proprio di introdurre un sistema presidenziale, su cui invece si era creata la spaccatura che aveva portato alle dimissioni dell’ex premier Ahmet Davutoglu.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS