GRANDE GUERRA, MATTARELLA: “LA PACE HA ASSICURATO IL PROGRESSO” Il capo dello Stato ha parlato durante la cerimonia per l'anniversario dell'entrata nel primo conflitto bellico

556
mattarella

“E’ stata la pace e non la guerra ad assicurare stabilità e progresso, è stato il dialogo non lo scontro a permettere le grandi conquiste civili ed economiche di questi 70 anni”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parlando alla cerimonia per il centenario della Grande Guerra. “Sono state le intese, le alleanze non aggressive, le unioni sovranazionali – ha aggiunto – e non le chiusure e le barriere a garantire al nostro Paese e agli altri la libertà e il benessere”.

Il capo dello Stato ha ricordato che “senza ideali e sogni si perde lo slancio vitale e lentamente finiscono per prevalere la paura, il sospetto, egoismi, la tentazione di rinchiudersi nei recinti di malintesi interessi nazionali” ed ha invitato a “raccogliere quel sogno, quel grido silenzioso per un futuro di pace, benessere e diritti che ci arriva con forza le nuove generazioni” perché questo “è oggi il miglior modo per rendere onore a chi è caduto per la sua patria, e per rispettare tanto sangue versato”. “Bisogna raccogliere quel sogno – ha aggiunto – e oggi sono qui per questo, con i rappresentanti del Governo, del Parlamento, della Regione Veneto, i sindaci, affinché la tragedia di una guerra fratricida non abbia mai più a ripetersi”.

Per Mattarella “la classe dirigente europea nel secondo dopoguerra, a differenza delle precedenti si dimostrò all’altezza del compito immane della ricostruzione, economica e morale, di un continente distrutto e sgomento. Ci riuscì operando con lungimiranza, tenendo insieme visione e pragmatismo”. Allo stesso modo, “le grandi sfide, imponenti, che oggi il mondo si trova davanti – il terrorismo, l’emigrazione, i cambiamenti climatici, la lotta alla fame e alle malattie, lo sviluppo – si vincono tessendo collaborazione e costruendo ponti”. A tal fine “servono comune intelligenza, unità di intenti. Vanno ricercati con ostinazione obiettivi condivisi e politiche comuni a fenomeni globali. E’ impossibile dare risposte soltanto nazionali, ignorarlo sarebbe illusorio e pericoloso”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS