MIGRANTI, SOCCORSI OLTRE 2.000 PROFUGHI AL LARGO DELLA LIBIA La Guardia Costiera, in collaborazione con la Marina Militare e Msf, ha portato a termine 15 operazioni di salvataggio

564
migranti

Nuova ondata di migranti in arrivo verso le coste italiane: la centrale operativa della Guardia Costiera ha coordinato diverse operazioni di soccorso che hanno consentito di salvare oltre duemila persone stipate su gommoni e barconi. Complessivamente sono state individuate una quindicina le imbarcazioni. Tre gommoni con a bordo oltre 400 persone, sono stati soccorsi dalla nave Dattilo della Guardia Costiera mentre la nave Peluso, sempre della Guardia Costiera, ha recuperato assieme alle autorità maltesi altri 229 che erano su un peschereccio alla deriva. Altri 4 gommoni sono stati soccorsi dalle navi della Marina Militare Bettica e Durand de la Penne, 6 dai mezzi di Msf Barboun Argos e Dignity, un barcone e un gommone dalla nave militare irlandese Le Roisin.

Al termine delle operazioni di soccorso, le autorità hanno comunicato che sono state salvate oltre duemila migranti, che erano a bordo di 14 gommoni ed un barcone, sono stati recuperati e trasferiti su navi della Guardia Costiera, della Marina Militare, di Msf e su una nave militare irlandese. Oltre alle 15 operazioni nel canale di Sicilia, la centrale operativa della Guardia Costiera ha coordinato due soccorsi in acque maltesi, in collaborazione con le autorità di Malta. In particolare, sono stati soccorsi un peschereccio con 229 persone a bordo e un’imbarcazione da diporto con oltre 400 migranti, che sono stati trasferiti sul mercantile ‘Tana Sea’ dirottato in zona.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS