MILANO, AL GAM “6 STANZE, UNA STORIA OTTOCENTESCA” I capolavori, articolati in un percorso in 6 sezioni, erano conservati nei depositi della galleria

571
6 stanze

Francesco Hayez, Vittore Grubicy de Dragon, Domenico e Gerolamo Induno, Mosè Bianchi, Filippo Carcano, Gaetano Previati. Sono solo alcuni degli autori dei capolavori nascosti che la Galleria d’Arte Moderna (Gam) di Milano presenta al pubblico, fino al 4 settembre, nel percorso “Sei stanze, una storia ottocentesca”, dedicato alle opere pittoriche inedite provenienti dalle Collezioni del Museo.

Nelle sei stanze sono raccolti 62 capolavori mai esposti perché conservati nei depositi della Galleria. Un’opportunità per ammirare un “patrimonio nascosto”, per la maggior parte inedito al pubblico, che documenta una vicenda di lasciti, donazioni e depositi in larga parte sviluppatasi dal penultimo decennio del XIX secolo. E’ a questa storia che l’esposizione intende dare testimonianza attraverso la ricchezza di un patrimonio nascosto e dei suoi nuclei più significativi tanto dal punto di vista artistico, quanto dei legami con le vicende della città, della sua evoluzione culturale e sociale.

L’esposizione si articola in sei sezioni che indagano i temi più cari alla ricerca figurativa ottocentesca quali il Ritratto, la Veduta e il Paesaggio, la Scena di genere, la Natura morta, e infine un approfondimento dedicato alle correnti artistiche del Realismo e del Simbolismo.

Le prime due sale – dedicate al Ritratto dalla fine del Settecento ai primi decenni dopo l’Unità d’Italia, rivelano lo sviluppo del genere a partire dal ritratto neoclassico ufficiale e di rappresentanza, all’attenzione crescente per l’interpretazione psicologica in cui veridicità descrittiva ed indagine emotiva si fondono nella rappresentazione quotidiana e realistica di richiamo impressionista.

La terza sezione propone vari esempi di Paesaggi e vedute dalla seconda metà dell’Ottocento fino agli inizi del Novecento, quando la sperimentazione materica si rivolge a definire al meglio le diverse condizioni fisiche ed atmosferiche dei luoghi e allo stesso tempo restituirne un senso più profondo.

A lungo considerata “minore”, la Pittura di genere – protagonista della quarta sezione – riscuote uno specifico interesse da parte della committenza del XIX secolo, per la particolareggiata rappresentazione di scene ed eventi tratti dalla vita quotidiana, con protagonisti anonimi, borghesi o popolani, occupati in faccende domestiche in interni, così come in momenti di lavoro.

La quinta sezione del percorso è dedicata alla Natura morta: un genere che nella seconda metà dell’Ottocento incontra una rinnovata fortuna soprattutto a Milano, capitale del regno Lombardo-Veneto, dove la nuova classe borghese e imprenditoriale, in forte ascesa sociale, si fa committente di nature morte con fiori, frutta e più raramente animate dalla presenza di animali, impreziosite dall’inserimento di vasellame e altri oggetti di uso quotidiano, per arredare le dimore e, allo stesso tempo, esaltare il proprio status economico e sociale.

Il percorso si conclude con la sala dedicata ad alcuni tra i più interessanti protagonisti del Realismo lombardo dove l’indagine sociale, le problematiche e drammi contemporanei sono al centro della narrazione realista a cui fa da contraltare la grande stagione artistica del Simbolismo, in cui le regole della composizione e della resa pittorica vengono rivoluzionate da immagini nuove e affacciate al nuovo secolo. L’iniziativa è stata realizzata grazie al contributo di Ubs, partner Gam dal 2013, che sostiene il museo e le sue collezioni attraverso una programmazione dedicata alla valorizzazione e tutela del suo patrimonio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS