BRASILE, BAGNO DI FOLLA PER SOSTENERE DILMA ROUSSEFF Lula pronto a correre per la presidenza del Paese sudamericano nel 2018

824

Bagno di folla ieri per la presidente brasiliana Dilma Rousseff. L’ex Ministro per le Miniere e l’Energia del Brasile è stata sospesa lo scorso 12 maggio per 180 giorni dalle funzioni da presidente del Paese sudamericano dopo che il senato aveva dato il via libera alla procedura di impeachment votato 55-22 all’inizio di questo mese. La Rousseff è stata accusata di aver nascosto il deficit di bilancio in cui versa la Nazione in vista della rielezione del 2014. In seguito alla sospensione, la presidenza è passata ad interim all’ex compagno di partito Michel Temer.

Dilma, classe 1947, ha partecipato ieri sera ad una manifestazione in suo sostegno per protestare contro la nomina di Temer, definito dai manifestanti “golpista”. Alla manifestazione, organizzata sui social network da associazioni di studenti, della società civile e sindacati, avrebbero preso parte circa 10 mila persone. “Grazie per l’affetto, la forza e la lotta. Potete stare sicuri, non ci arrenderemo. Non possiamo lasciare che la democrazia sia ferita e che i nostri diritti finiscano nella spazzatura. Resisteremo, e vi ringrazio per l’immensa energia che mi trasmettete”, ha detto alla folla Dilma, che è intervenuta al quinto incontro nazionale di blogger. Analoghe manifestazioni si sono svolte venerdì sera in varie città del Paese carioca.

Intanto, l’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva potrebbe avanzare la sua candidatura per le elezioni presidenziali del 2018. Lo ha dichiarato in prima persona durante un’intervista con Telesur TV al fine di evitare che vadano perdute le conquiste sociali fatte negli ultimi anni dal Partito dei Lavoratori (Pdl). Lula ha poi criticato la nomina di Temer e ha definito la sospensione della Rousseff come un “capriccio politico”. Secondo l’ex presidente, il Pdl è riuscito a sollevare 30 milioni di persone dalla povertà negli ultimi 12 anni, anche grazie all’opera di sua e della Rousseff.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS