MOTOGP, VALENTINO ROSSI CONQUISTA LA POLE AL MUGELLO Dal 2008 il Dottore non faceva in Italia il miglior tempo in qualifica

395
rossi

Il Mugello impazzisce per Valentino Rossi, che conquista la pole sfruttando la scia di Vinales per realizzare il tempo di 1’46″504, che gli vale la partenza davanti a tutti nel Gp d’Italia. Al suo fianco, in prima fila. lo stesso Vinales con una Suzuki in crescita; secondo, a soli 94 millesimi di ritardo, Iannone, forse deluso dopo aver dominato tutte le precedenti sessioni e alla fine 3° a 103 millesimi, scalzato dalla migliore piazzola di partenza solo nel finale. Valentino migliora costantemente e si prende le luci della ribalta quando conta.

Il guizzo giusto per raggiungere la pole numero 63 in carriera, arriva accucciato dietro il codone di Vinales, che sfrutta soprattutto nel rettilineo ma dopo un giro condotto da Valentino con linee comunque impressionanti. Era dal 2008 che Rossi non partiva in pole qui: fra l’altro, l’anno della sua ultima vittoria al Mugello. In seconda fila ci sono Marquez, 4° a 255 millesimi, e Lorenzo, 5° a 0″378, entrambi un po’ in affanno. 6° Aleix Espargaro, 7° Pedrosa, 9° Petrucci e 11° Pirro.

Iannone brilla al primo tentativo, con 1’46″727 segnato sfruttando la scia di Lorenzo, un vecchio vizio dell’abruzzese, con Vinales a 23 millesimi e Marquez a 32, in una classifica cortissima. Poi fa ancora meglio, sempre in scia a Lorenzo, in 1’46″607. Sembra il prologo della pole della Ducati, ma spunta Rossi, in scia a Vinales: 1’46″504 e il Mugello va in estasi. Eliminato clamorosamente nella Q1 Andrea Dovizioso, terzo a 49 millesimi dal secondo, Aleix Espargaro, che supera il taglio insieme al migliore del turno: Scott Redding con la Ducati Pramac che segna il tempo di 1’46″886. Scivolati Pol Espargaro e Crutchlow, che partiranno, rispettivamente, 14° e 16°.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS