MARTE: SPETTACOLO DI LUCE NEL CIELO NOTTURNO DI FINE MAGGIO Il pianeta rosso si troverà alla distanza minima dalla Terra e in opposizione al Sole

1595
marte

Domenica 22 maggio, al calare del sole, e per tutta la notte, il cielo offrirà uno spettacolo straordinario che durerà per tutta la notte. Alzando lo sguardo verso la sfera celeste, verso sud si noterà un luminosissimo punto nel cielo, dal colore tendente al rosso. La sua luce non è tremolante, perché non è una stella. Si tratta di Marte e bisognerà aspettare due anni per rivederlo di nuovo così bene. Infatti, il pianeta rosso si troverà in opposizione rispetto al Sole, osservandolo da Terra. Per individuarlo, dopo il tramonto, sarà sulla sommità della costellazione dello Scorpione assieme alla Luna piena, Saturno e Antares.

Ciò significa che la sua superficie sarà illuminata per intero, così come accade per la Luna piena. Inoltre, particolarmente vicino, visto che si troverà alla minima distanza dalla Terra pochi giorni dopo, il 30 maggio. Dunque l’ultima settimana di maggio è il periodo migliore per osservarlo, a occhio nudo o grazie a un telescopio, magari di un osservatorio astronomico. Questa circostanza si verifica circa ogni due anni a causa della differenza nei periodi orbitali dei due pianeti. Il 30 maggio si troverà a circa 75,3 milioni di chilometri da noi, la minima distanza nell’ultimo decennio. Il 22 e il 30 maggio il virtualtelescope trasmetterà in streaming la diretta dell’osservazione.

Il 12 maggio Hubble ha approfittato di questo allineamento favorevole e, girato lo sguardo verso Marte, ha scattato una foto del nostro vicino planetario, aggiungendola alla raccolta di immagini precedenti. Da questa distanza il telescopio poteva vedere le caratteristiche di Marte come se fosse appena 30 chilometri di diametro. L’immagine finale mostra un caratterizzata vista di Marte e rivela diverse caratteristiche geologiche importanti, dalle più piccole montagne, ai canali per erosione, a immensi canyon e vulcani.

marte

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS