TURCHIA, TENSIONI IN PARLAMENTO: OGGI IL VOTO PER RIMUOVERE L’IMMUNITA’ DEI DEPUTATI Le opposizioni hanno protestato contro l'ipotesi di togliere il principio di laicità dalla costituzione

363
Turchia

È iniziata in un clima di grande tensione nel Parlamento turco la votazione decisiva su una proposta di emendamento costituzionale, presentata dal partito di governo Akp, per rimuovere l’immunità dei deputati sotto inchiesta. Se sarà adottato, il testo proposto dal Partito della Giustizia e dello Sviluppo, attualmente al potere, sospenderà la clausola provvisoria dell’articolo 83 della Costituzione, quella che garantisce l’immunità parlamentare ai deputati. Attualmente 138 deputati, di cui 50 (su 59) del Partito democratico del Popolo (Hdp, filocurdo), sono sotto procedimenti giudiziari. Per approvare direttamente la norma, occorre una maggioranza dei due terzi dell’Assemblea, vale a dire di 367sui 550 totali. Se i voti favorevoli dovessero essere compresi tra 330 e 366, la legge verrà sottoposta a referendum.

L’ipotesi di modifica della costituzione ha grande rilievo sulla stampa tedesca, interpretata unanimemente come un grosso rischio per la democrazia turca. “Un altro passo verso una Turchia autoritaria” ha commentato il leader dei Verdi tedeschi, Cem Ozdemir, che poi ha aggiunto: “Il progetto ha come unico obiettivo quello di imbavagliare l’opposizione, soprattutto quella dell’Hdp curdo, e di consentire il proseguimento della lotta al terrorismo ‘alla Erdogan’”. “E’ davvero preoccupante quando la costituzione di un Paese viene modificata solo per togliere l’immunità ad alcuni parlamentari”, ha dichiarato Juergen Hardt, portavoce per la politica estera dell’Unione Cristiano-Democratica di Germania (Cdu) il partito della Merkel, “con questa scelta la Turchia di Erdogan si allontana sempre di più dai valori dell’Europa”.

Prima dell’inizio del voto, i parlamentari del socialdemocratico Chp, principale forza di opposizione, hanno protestato contro il presidente del Parlamento, Ismail Kahraman, chiedendogli di scusarsi per aver suggerito qualche settimana fa di rimuovere il principio di laicità dalla Costituzione turca. Al suo rifiuto, un gruppo di deputati del Chp ha iniziato a rumoreggiare e ha abbandonato l’aula, cantando lo slogan “la Turchia è laica e resterà laica”. I parlamentari sono comunque rientrati al momento della votazione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS