L’ARCIDIOCESI DI CHICAGO ISTITUISCE LA MATERNITA’ RETRIBUITA ai dipendenti della grande arcidiocesi dell'Illinois verrà garantito il diritto a una retribuzione nelle dodici settimane del congedo di maternità

696
maternità

Maternità retribuita. E’ il progetto che prenderà il via dal 1 luglio nell’arcidiocesi di Chicago che ha come obiettivo la promozione della famiglia. Il promotore dell’iniziativa è l’arcivescovo Blaise Cupich, che tornato dal sinodo di ottobre ha affermato che è tempo di iniziare a seguire le indicazioni della Chiesa per il sostegno della famiglia.

Dal 1 luglio ai dipendenti della grande arcidiocesi dell’Illinois verrà garantito il diritto a una retribuzione nelle dodici settimane del congedo di maternità. Gli Stati Uniti, infatti, sono uno dei Paesi che in tema di tutela del diritto della maternità hanno la legislazione più arretrata. La maggior parte delle donne che vanno in maternità non hanno diritto a un contributo, ma sono costrette a ricorrere a ferie arretrate o a giorni di malattia. Ciò secondo Cupich penalizza soprattutto le situazioni più incerte, come ad esempio chi ha già usufruito delle ferie pagate, dell’assenza per malattia o chi è stato assunto da poco tempo.

L’arcidiocesi ha stimato che questa misura potrebbe venirle a costare fino a 1 milione di dollari l’anno; soldi che verranno considerati un investimento per essere davvero all’avanguardia nella promozione del valore della vita. Da parte sua il direttore del Dipartimento diocesano per la vita parrocchiale e la formazione, padre Peter Wojcik, ha commentato la novità citando il passaggio dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia in cui papa Francesco parla del pericolo di presentare un’ideale solo astratto del matrimonio, lontano dalla concretezza delle sue sfide più quotidiane. “Credo che questa scelta – ha dichiarato a Vatican Insider – sia un modo molto concreto per testimoniare che vogliamo le famiglie davvero al centro, che la Chiesa si fonda su di loro e riconosce il bisogno di tempo per stare insieme e accompagnarsi a vicenda”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS