VOLO EGYPTAIR CADUTO: IPOTESI TERRORISMO “MOLTO PROBABILE”

511
egyptair

L’aereo dell’EgyptAir scomparso la scorsa notte è precipitato in mare. Secondo quanto comunicato dall’esercito greco i resti del relitto sono stati trovati a largo di Creta. In attesa di esaminare i rottami e la scatola nera le autorità egiziane non escludono alcuna pista sulle cause dell’incidente, compresa quella dell’attentato terroristico. Ad avallare questa ipotesi è stato lo stesso governo egiziano, che l’ha definita come “molto probabile”. Impossibile non pensare alla tragedia dell’airbus russo della Metrojet, precipitato nella Penisola del Sinai lo scorso 31 ottobre, causando la morte di 224 persone.

A bordo del velivolo dell’EgyptAir c’erano 66 persone – tra cui un bambino e due neonati -, tre addetti alla sicurezza e sette membri dell’equipaggio. Non c’erano cittadini italiani. La maggioranza dei viaggiatori erano egiziani, oltre a 15 francesi, un britannico, un belga, due iracheni, un kuwaitiano, un saudita, un sudanese, un portoghese, un algerino, un canadese e un cittadino del Ciad.

Il volo MS804 era partito dall’aeroporto Charles de Gaulle alle 23:09 di ieri ed è scomparso dai radar alle 2:45, appena entrato nello spazio aereo egiziano; si trovava a un’altitudine di 37 mila piedi (circa 11.300 metri). Il capitano di un mercantile ha detto di aver avvistato fiamme nel cielo la notte scorsa a circa 240 chilometri a sud dell’isola greca di Karpathos. Secondo il ministero dell’Interno greco l’aereo avrebbe compiuto una brusca virata a quota 37 mila metri. L’equipaggio di un mercantile ha parlato di una scia infuocata avvistata in cielo a pochi chilometri dalla zona dell’impatto.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS