ALLUVIONI IN SRI LANKA, FRANA SEPPELLISCE 3 VILLAGGI: 200 FAMIGLIE DISPERSE Nel frattempo sale a 27 il bilancio provvisorio delle morti causate dal maltempo

524
sri lanka

Tragedia in Sri Lanka, dove il bilancio dei morti causati dal maltempo potrebbe crescere in maniera esponenziale. Infatti, centinaia di persone appartenenti a 200 famiglie sono considerate disperse dopo che un frana di importanti dimensioni, frutto delle incessanti piogge che da giorni flagellano il Paese, ha sepolto centinaia di case in tre villaggi del distretto centro-occidentale di Kegalle. Lo scrive oggi il quotidiano online ColomboPage. Al riguardo la Croce Rossa dello Sri Lanka (Slrc) ha indicato che nella zona del disastro inondata sono state tratte in salvo 180 persone che hanno trovato rifugio e generi di conforto in un tempio vicino.

I soccorritori, giunti ieri sera nelle vicinanze dei tre villaggi sepolti dalla frana (Siripura, Pallebage e Elagipitya), hanno recuperato 13 cadaveri che fanno parte del bilancio di 27 morti legati all’ondata di maltempo. Nel frattempo, come riferito nella pagina online del quotidiano The Daily Star, altre 16 persone sono considerate disperse a seguito di una frana che si è abbattuta la notte scorsa sul Kalupahana Estate di Bulathkohupitiya (Sri Lanka centro-occidentale), dove almeno 100 persone sono state costrette ad abbandonare le loro abitazioni.

Nella sua edizione online, il quotidiano The Daily Mirror ha precisato, citando fonti dell’esercito e della polizia, che 13 dei corpi sono stati trovati nella località di Aranayake, e tre a Bulathkohupitiya. Il Dipartimento di Meteorologia cingalese, intanto, ha indicato che vaste regioni del centro, centro-ovest e centro-sud saranno interessate ancora per 48 ore da temporali e forti venti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS