REFERENDUM, RENZI CHIAMA IL PD ALL’UNITA’: “BASTA CON LE POLEMICHE” Il premier vuole la tregua per vincere la battaglia di ottobre. "Smettiamo di farci le pulci fra noi"

453
renzi firenze

Nuovo appello all’unità del Pd da Matteo Renzi. Per vincere la battaglia referendaria il premier punta a riallacciare i rapporti con la minoranza dem. “Occorre parlare al paese a testa alta, io farò solo questo e non altro” ha chiesto Renzi assicurando che sull’elezione dei nuovi senatori “pacta sunt servanda”. Una freccia in meno all’arco della sinistra che il leader dem sfila proprio mentre, in tv, Pier Luigi Bersani dice di “volerci vedere chiaro” sul referendum e definisce “legittimo” che ci sia chi nel Pd si schieri con il No.

Dopo una giornata tra Abruzzo e Puglia, Renzi è tornato a Roma con la pace fatta con il governatore Michele Emiliano. E spera, mobilitando l’orgoglio dem, di archiviare fino alla fase congressuale, dopo il referendum, le tensioni interne che certo non aiutano a compattare gli elettori prima sulle amministrative e poi sulla sfida di ottobre. Sabato, con l’election day, partirà la raccolta delle firme dei cittadini: obiettivo superare quota 500mila, non necessaria ad indire il referendum, ma fondamentale per chiamare quante più persone alla battaglia, senza quorum, d’ottobre.

“Smettiamo di farci le pulci tra noi – ha chiesto attaccando il “familismo” M5S e un centrodestra senza regole interne – Stiamo dettando la linea in Ue e restituendo la speranza in Italia ma l’atteggiamento è perplesso a volte. Vi chiedo di giocare all’attacco e non di rimessa e col catenaccio pensando che gli altri siano dei fenomeni”. Una chiamata alle armi che vedrà il capo del governo come primo soldato in campo.

“Io non sto facendo polemiche – ha replicato Pierluigi Bersani alla richiesta di una tregua – io sono positivo nel senso che penso che la mia voce e la voce della sinistra Pd sia indispensabile per riuscire a tenere assieme un popolo”. E, ha incalzato, “se avessi detto io ‘tregua per sei mesi’, ne avremmo sentite di tutti i colori in toscano”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS