PAKISTAN, LE AUTORITA’ FINANZIANO IL RESTAURO DELLA CATTEDRALE DEL SACRO CUORE Nel 2008 la cattedrale, la sede della Caritas di Lahore, la residenza del vescovo e la canonica sono rimaste gravemente danneggiate anche a causa di un attentato suicida

568
restauro

Un contributo di 300 mila dollari. E’ quanto il governo distrettuale di Lahore, in Pakistan, ha deciso di destinare per la restaurazione del campanile della cattedrale del Sacro Cuore. Secondo quanto ha spiegato l’agenzia Asianews, la torre – alta oltre 50 metri – è stata danneggiata in maniera importante da un terremoto lo scorso novembre. Tutti gli ingegneri che da allora sono stati contatti, hanno rifiutato l’incarico a causa dell’altezza a cui avrebbero dovuto svolgere il lavoro.

La cattedrale del Sacro cuore di Lahore è stata costruita nel 1907 da Dubbeleere, un architetto belga proveniente da Antwerp. Nel 2007 si sono svolte le celebrazioni per il 100.mo anniversario della sua inaugurazione. In quell’occasione, l’allora Pontefice Benedetto XVI aveva inviato un messaggio di congratulazioni, mentre il governo aveva emesso un francobollo celebrativo.

Nel 2008 la cattedrale, la sede della Caritas di Lahore, la residenza del vescovo e la canonica sono rimaste gravemente danneggiate anche a causa di un attentato suicida. L’esplosivo era diretto contro l’ufficio dell’Agenzia investigativa federale, ma ha colpito anche le strutture della Chiesa. Nel 2014 le autorità ecclesiastiche hanno ricollocato 10 vetrate andate in frantumi. Nel novembre dell’anno successivo la cattedrale ha ottenuto il Premio per l’eredità belga all’estero. Poi, il sisma che ha colpito la parte settentrionale del Pakistan ha incrinato la torre campanaria ed ha abbattuto la croce che si trovava sulla sommità.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS