CENTRAFRICA, ONG CRISTIANE E MUSULMANE UNITE PER PROMUOVERE LA PACE Il programma ha tre obiettivi: rafforzamento della capacità delle istituzioni centrafricane affinché diventino promotrici della coesione sociale; sviluppo economico degli strati più poveri della popolazione; sostegno alle vittime delle violenza ed educazione alla pace

503
centrafrica

Si chiama “Partnership interconfessionale per il consolidamento della pace nella Repubblica Centrafricana (CIPP)” il progetto comune finanziato da un gruppo di Organizzazioni non governative cristiane e islamiche che hanno deciso di sostenere un processo di pacificazione nel Paese africano che sta compiendo importanti progressi per uscire dalla guerra civile. Lo riferisce l’agenzia vaticana Fides.

Il Cipp è promosso dalla piattaforma interreligiosa per la pace del Centrafrica, fondata nel 2013 dai rappresentanti delle tre religioni più importanti del paese, l’Arcivescovo cattolico di Bangui, Monsignor Dieudonné Nzapalainga, il presidente del Consiglio islamico centrafricano, Imam Oumar Kobine Layama, e il presidente dell’Alleanza Evangelica, il pastore Nicolas Guérékoyaméné-Gbangou, dal Catholic Relief Service (CRS), dall’ Islamic Relief Worldwide, da World vision e Aegis Trust. “Per la prima volta, i partner sosterranno un progetto della durata di cinque anni, una cosa che non hanno mai fatto” ha dichiarato Monsignor Nzapalainga.

L’iniziativa ha ricevuto un finanziamento di 7 milioni di dollari dall’Agenzia americana per lo sviluppo (USAID), che si aggiungono ad altri 4 milioni donati da privati. Il programma ha tre obiettivi: rafforzamento della capacità delle istituzioni centrafricane affinché diventino promotrici della coesione sociale; sviluppo economico degli strati più poveri della popolazione; sostegno alle vittime delle violenza ed educazione alla pace. Il progetto è stato presentato a Bangui il 13 maggio con la proiezione di un’intervista ai tre leader della piattaforma interreligiosa per la pace che affermano che la crisi centrafricana non è confessionale, come spesso è stata presentata, ma politica e sociale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS