PISCINA FAIDATE’: ALLAGA CASA PER FARSI UN TUFFO

703
piscina

Voleva la piscina in casa e non si è fermato davanti a niente pur di averla. Un uomo di nazionalità britannica, che abitava in affitto in un appartamento nel centro di Mestre, invece di posizionare una piscinetta gonfiabile sul balcone ha fatto una scelta diversa e radicale: ha tentato di trasformate le stanze della casa in una “piscina domestica”. L’uomo ha svuotato il suo appartamento di mobili e suppellettili – gettandoli in strada dalla finestra, senza tanti complimenti – e ha riempito le stanze d’acqua. Così riporta Il Corriere del Veneto che descrive lo sbalordimento dei vicini che, insospettiti dal lancio della mobilia, hanno pensato giustamente che qualcosa, nella mente dell’uomo, si fosse inceppato.

L’appartamento dove è avvenuto il fatto si trova all’ultimo piano di una palazzina. Immediatamente i vicini hanno chiamato la polizia e i vigili del fuoco, che sono arrivati subito per evitare che qualcuno potesse restar colpito dal lancio degli oggetti. L’uomo è stato accompagnato dagli agenti al Pronto soccorso di Mestre, dove è stato sottoposto a un T. s. o. – il trattamento sanitario obbligatorio – con ricovero d’urgenza in psichiatria. Ai sanitari, l’uomo avrebbe motivato il folle gesto perché “voleva una piscina in casa”. Sul posto è arrivato anche il proprietario che ora dovrà stimare i danni subiti dal folle gesto di colui che aspirava ad avere la prima “casa-piscina” della storia.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS