E’ ITALIANA LA SIGNORA PIÙ LONGEVA DEL MONDO: HA 115 ANNI Il segreto di Emma Morano per vivere a lungo: "Uova crude ed essere single".

708
anziana

E’ deceduta a New York la persona più anziana del mondo: una donna afroamericana di 116 anni. Con la sua dipartita, il testimone del primato di longevità passa all’italiana Emma Morano, piemontese, anche lei di 116, già decana d’Italia e d’Europa. Susannah Mushatt Jones, nata a Montgomery Alabama nel 1899, si è spenta in una casa di riposo di Brooklyn, Era entrata nel Guinness dei primati nel 2015, alla morte della giapponese Misao Okawa, di 117 anni. Emma Martina Luigia Morano, che vive a Pallanza (Verbania), nata il 29 novembre 1899, ha solo pochi mesi meno della Jones ed è ora l’unica persona al mondo a essere nata prima del 1 gennaio 1900.

Per Emma, il segreto per vivere una lunga vita è essere single. Era il 1938 quando, dopo la morte del figlio di appena pochi mesi, scelse di separarsi dal marito. I pretendenti non mancarono, ma lei decise di non risposarsi. “Non ho più voluto essere comandata da nessuno”, ha spiegato. La signora Emma vive ancora da sola, nel suo appartamento di due stanze a Verbania, sul Lago Maggiore. Nessuna badante, nessun aiuto, ad eccezione della nipote che ogni mattina va a trovarla per darle una mano con il cibo da mettere in tavola. Per il resto, fa tutto da sé.

Da quando un medico le disse che soffriva di anemia, la sua dieta è rimasta invariata: tre uova crude al giorno, diventate due negli ultimi anni. A conti fatti, negli ultimi 100 anni ne avrebbe mangiate almeno 100 mila. Il resto del menu è semplice: carne macinata (cruda), un piatto di pastina in brodo e una banana. Anche se il segreto per vivere a lungo – ha spiegato Valter Longo, direttore dell’Istituto sulla Longevità presso l’Università della California – è anche un fattore genetico. Una delle sorelle Morano morì a 100 anni, un’altra a 102″.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS