PROPAGANDA SOCIAL IN CRISI, L’ISIS CERCA ESPERTI SUL WEB Il Daesh sta tentando di rispondere alla sistematica chiusura di account da parte di Twitter

563
isis web

L’Isis cerca esperti informatici per rispondere alla chiusura di numerosi account Twitter riconducibili alla galassia jihadista. E’ il sintomo di una macchina propagandistica sempre più in crisi, anche a causa delle recenti sconfitte militari subite dal Califfato in Siria e Iraq.

A lanciare l’appello sulla piattaforma Telegram è “La Fondazione Informatica Afaq”, house organ del Daesh che si autodefinisce “Fondazione tecnologica che si occupa di diffondere consapevolezza in materia di sicurezza informatica tra i monoteisti”.

“La Fondazione Afaq annuncia di avere bisogno di fratelli e sorelle per lavorare nella ‘Bank Al Ansar’ (dall’arabo “Banca dei Partigiani”) per fare fronte alla sistematica campagna di cancellazione da parte dei mercenari di Twitter nei confronti dei sostenitori dei Mujahiddin” recita il comunicato.

La spietata organizzazione terroristica invita “I fratelli e le sorelle a concentrarsi sul social network Twitter al fine di far giungere la nostra causa ed i nostri obbiettivi pubblicando la verità sul conflitto oltre a far prendere coscienza agli ignari tra i musulmani comuni”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS