TORINO, AL VIA LA XXIX EDIZIONE DEL SALONE DEL LIBRO Da oggi, giovedì 12, a lunedì 16 maggio al Lingotto fiere; è intitolato "Visioni"

653
salone del libro

Si alza il sipario sul 29° Salone Internazionale del Libro di Torino, al Lingotto Fiere da oggi, giovedì 12, a lunedì 16 maggio. L’inaugurazione, stamattina alle 10.30, è affidata al Ministro per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo Dario Franceschini. È inoltre stata annunciata nel corso del Salone anche la visita del Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Il ricco programma della kermesse è stato presentato martedì 26 aprile nel capoluogo piemontese presso la Fondazione Merz dalla Presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura Giovanna Milella e dal Direttore Editoriale del Salone, Ernesto Ferrero. Erano intervenuti il Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, il Sindaco di Torino Piero Fassino, il Direttore generale Lingotto Fiere – Gl events Italia Régis Faure e i rappresentanti dei due Ministeri con i quali il Salone ha appena stretto un Protocollo d’Intesa per l’ingresso quali nuovi Soci Fondatori: Arnaldo Colasanti, Consigliere del Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, e la Direttrice generale Biblioteche e Istituti Culturali del Ministero dei Beni e Attività Culturali e del Turismo, Rossana Rummo in collegamento da Roma.

Con questo Salone parte il nuovo assetto della Fondazione: oltre a Miur e Mibact entra fra i Soci Fondatori anche Intesa Sanpaolo come importante partner privato, rappresentato da Michele Coppola, Responsabile Beni Culturali e Direttore Gallerie d’Italia. Il commento della Presidente della Fondazione, Giovanna Milella: “Questo Salone – intitolato Visioni – riunisce le forze più dinamiche dell’Italia di oggi, puntando sulla cultura e sulla formazione dei giovani”.

“L’ingresso del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo nella Fondazione del Salone del Libro di Torino – ha detto il Ministro del Mibact Franceschini – è l’esito naturale di un lungo processo che tiene conto dell’alto valore culturale del Salone. Stiamo parlando della più importante manifestazione italiana del settore e una delle maggiori a livello europeo, capace di promuovere il libro e la lettura, portando un notevole arricchimento culturale a tutta la società italiana. Un impegno condiviso dal ministero attraverso il Centro per il libro e la lettura (Cepell). Soddisfazione anche per la scelta del Ministro per l’Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini di aderire con l’ingresso del Miur. Il sostegno del Mibact insieme a quello del Miur permetterà agli organizzatori di agire con più libertà, autorevolezza e serenità, sviluppando, ancora di più, la proiezione internazionale”.

Saranno cinque giorni dedicati ai libri e alla cultura, con 1200 tra convegni, presentazioni e dibattiti nei vari padiglioni del Lingotto che per l’occasione sarà occupato da più di mille espositori e da settanta nuovi editori. Tra le novità di quest’anno, la scelta di non avere un Paese ospite, ma una cultura, quella araba, dal Maghreb all’Iraq dando una particolare attenzione a temi attuali come le migrazioni, il dialogo, la ribellione contro i regimi brutali, il confronto, la letteratura come rifugio e l’integrazione.

Tra gli ospiti più attesi della nuova edizione, Thar Ben Jelloun – con il suo nuovo libro, Matrimonio di piacere (ed. La Nave di Teseo edizioni) – il poeta siriano/libanese Adonis che parlerà del vero messaggio del Corano presentando il suo libro, Violenza e Islam (ed. Guanda), il direttore del Museo del Bardo di Tunisi, Moncef Ben Moussa, il giovane esordiente Saleem Haddad (con Ultimo giro a Guapa, e/o edizioni) e la prima donna musulmana a ricevere il Premio Nobel per la Pace, Shirin Ebadi, che presenterà Finché non saremo liberi (ed. Bompiani). Domenica, ci sarà il giornalista Antoine Leiris, l’uomo che ha perso la moglie nell’attentato al Bataclan di Parigi, ma che in risposta ha scritto un libro significativo sin dal titolo, Non avrete il mio odio, pubblicato da Corbaccio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS