RIFORMA DEL LAVORO IN FRANCIA, NELLA NOTTE NUOVI SCONTRI A PARIGI Il movimento Nuit debout è nato il 31 marzo al termine di una manifestazione contro la "loi travail"

760
francia

Migliaia di persone sono scese in piazza in molte città francesi per protestare contro la mano dura del governo che ha deciso di promulgare la riforma sul lavoro saltando il passaggio parlamentare per l’approvazione della nuova legge. I francesi hanno risposto all’appello del movimento “Nuit debout” e si sono organizzati in proteste in molte città del Paese d’Oltralpe. In alcuni casi si sono verificati anche scontri con la polizia.

A Parigi varie centinaia di persone hanno manifestato davanti all’edificio dell’Assemblea e bloccato la circolazione sul ponte della Concorde, di fronte a un imponente schieramento di polizia. Tra le mille e le duemila persone sono scese in piazza a Tolosa, dove ci sono stati scontri con la polizia, con lanci di pietre a cui gli agenti hanno risposto con i lacrimogeni: feriti alla testa due manifestanti, mentre la polizia ha dovuto smentire di aver usato i manganelli. E ancora in centinaia hanno manifestato a Lione, Lilla, Marsiglia, Strasburgo e Tours, dove la circolazione di bus e tram è stata bloccata per un’ora e mezza.

Due cortei a Nantes, dove la serata si è conclusa tra le violenze. I manifestanti hanno tentato di rompere i vetri del municipio, dove siede un sindaco socialista, e hanno lanciato bottiglie sulla polizia, che ha risposto con i lacrimogeni. Verso mezzanotte per una mezz’ora è stata vera guerriglia tra i manifestanti che tentavano di costruire una barricata e e gli agenti. E ancora proteste a Rennes e disordini a Caen, dove secondo la polizia una quarantina di persone avrebbero “saccheggiato” gli uffici del Partito socialista locale. A Grenoble feriti sei poliziotti negli scontri seguiti a una manifestazione di quasi un migliaio di persone. E ancora a Montpellier, bruciati bidoni dell’immondizia e un fermo.

Il movimento Nuit debout è nato il 31 marzo al termine di una manifestazione contro la “loi travail”. Da allora i manifestanti si riuniscono ogni sera in Place de la République a Parigi. Il governo domani dovrà sottoporsi nell’aula dell’Assemblea nazionale al voto sulla mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni, il cui esito non è scontato: la parte del partito socialista che non gradisce la riforma del lavoro e la forzatura di Valls potrebbe infatti schierarsi contro l’esecutivo.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS