UNA CONFERENZA MONDIALE PER CHIARIRE LA GENESI DEL BUDDHA Il ministro del turismo nepalese ha chiesto di correggere le imprecisioni presenti nei libri

647
conferenza

Nel giorno in cui i buddisti celebrano il 2560mo anniversario della nascita del Buddha Gautama, ricorrenza che sarà festeggiata il prossimo 21 maggio, il governo nepalese ha deciso di organizzare una conferenza internazionale per chiarire, una volta per tutte, che il Buddha e la filosofia buddista sono nate in Nepal. La conferenza si svolgerà a Kathmandu. Il primo ministro, Khadga Prasad Sharma Oli, ha dichiarato: “C’è molta confusione sull’origine del buddhismo e sul luogo di nascita del principe Siddhartha Gautama. Questa conferenza ci aiuterà a diffondere in tutto il mondo la verità, cioè che il buddhismo è un prodotto del Nepal”.

Il prossimo 21 maggio in tutta la nazione si festeggerà il “Buddha Jayanti”, l’anniversario della nascita del fondatore del buddhismo. Questa celebrazione è considerata festa nazionale, ed è osservata da politici, funzionari di governo e istituzioni religiose. Secondo la tradizione religiosa, Siddharta è nato nel 566 a.C. a Lumbini, nel sud del Nepal. Di famiglia nobile, ha vissuto nel palazzo Tilaurakot fino all’età di 29 anni. Fuggito dalla reggia del padre per osservare la realtà del mondo circostante, testimoniò la crudeltà della vita con tre incontri (un vecchio, un malato e un morto) che cambiarono la sua visione: a quel punto decise di abbandonare gli agi e le ricchezze e di dedicarsi alla vita ascetica.

Il premier Oli ha spiegato che il Nepal non è solo il luogo di nascita dell’Illuminato, ma anche la culla delle tre tradizioni del buddhismo (Hinayana, Mahayana e Vajrayana). Ananda Prasad Pokharel, ministro del turismo e dell’aviazione civile, ha reso noto di aver recapitato un invito ai leader mondiali – tra cui il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon – e ai capi religiosi del buddhismo in tutto il mondo. Il ministro ha chiesto inoltre di correggere le imprecisioni presenti nei libri scolastici, secondo cui il Buddha sarebbe nato in altri Paesi. La Corea del sud ha fatto sapere di aver preso provvedimenti per eliminare l’errore storico.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS