SPETTACOLO NEL CIELO: MERCURIO TRANSITA DAVANTI AL SOLE Per riuscire a vedere il minuscolo disco di Mercurio contro il Sole è indispensabile utilizzare un telescopio

525
mercurio

Come un “neo” sul Sole. Mercurio in queste ore è in transito davanti alla “nostra ” stella e così sarà per tutto il pomeriggio: si tratta di un fenomeno abbastanza raro, che si ripete circa 13 volte in un secolo. L’ultima volta è avvenuto l’8 novembre 2006 e il prossimo appuntamento sarà per l’11 novembre 2019.

Per riuscire a vedere il minuscolo disco di Mercurio contro il Sole è indispensabile utilizzare un telescopio, ma gli esperti raccomandano la massima prudenza e sconsigliano di osservare il Sole senza utilizzare filtri sicuri, progettati per respingere la radiazione nociva per la retina.

“Questa volta invece – ha precisato l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope – vedremo una buona porzione del fenomeno”, infatti soltanto la fase conclusiva coinciderà con il tramonto. “Sarà un fenomeno molto lento e la fase più suggestiva sarà quella iniziale, quando vedremo il bordo del disco del Sole intaccato dal disco di Mercurio”, ha detto ancora l’astrofisico. Quella di oggi quindi è un’occasione da non perdere soprattutto perché nel 2019 il fenomeno sarà poco visibile dall’Italia.

Osservare il transito di un pianeta non è solo una curiosità: quelli di Mercurio e Venere hanno aiutato a misurare le distanze nel Sistema Solare; al di fuori del Sistema Solare la tecnica dei transiti ha permesso di scoprire la maggior parte degli oltre 2.000 pianeti che ruotano attorno ad altre stelle.

Oggi sono numerosi gli appuntamenti organizzati in tutta Italia: da Asiago a Catania, l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) ha mobilitato i suoi osservatori in eventi per le scuole e il pubblico, con telescopi puntati sul Sole e conferenze su Mercurio e la missione Bepi Colombo, destinata a studiare il pianeta da vicino. Mobilitati con decine di eventi anche gli appassionati del cielo dell’Unione Astrofili Italiani (Uai), che hanno ricostruito la storia dei transiti di Mercurio osservati dal 1631. Telescopi puntati sul nuovo ‘neo del Sole anche a Roma, nell’evento organizzato dal Planetario.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS