LA RUSSIA CELEBRA IL “VICTORY DAY” PER RICORDARE LA SCONFITTA DEI NAZISTI La parata militare è trasmessa in diretta dalla tv di Stato ed è iniziata alla presenza del presidente russo Vladimir Putin

538
russia

E’ iniziata a Mosca, in Piazza Rossa, la tradizionale parata militare con cui la Russia celebra oggi il 71 esimo anniversario della vittoria dell’Unione sovietica sul nazismo, il cosiddetto “Den Pobedi”. La parata militare è trasmessa in diretta dalla tv di Stato ed è iniziata alla presenza del presidente russo Vladimir Putin. Come da protocollo, ad aprire la sfilata – cui prendono parte oltre 10 mila soldati, circa 135 mezzi militari e 71 velivoli militari, lo stesso numero dell’anniversario che ricorre quest’anno, tra cui anche quelli usati nelle operazioni in Siria – è la formazione delle truppe.

“La storia ci insegna che la pace sul nostro pianeta non arriva sola. Oggi la nostra civiltà si confronta di nuovo a una crudeltà e una violenza fortissime. Il terrorismo è una minaccia globale e siamo obbligati a batterlo. La Russia è pronta a unire le forze con altri stati per creare un sistema di sicurezza che vada oltre i blocchi”, ha commentato Putin all’inizio della parata.

Durante la cerimonia sono state issate la bandiera della Russia e quella della Vittoria mentre come sottofondo passava la canzone di Aleksandrov, “La guerra santa”. Poi, l’entrata in piazza del ministro della Difesa, Serghei Shoigu, che ha salutato i vari reparti. In tribuna d’onore, accanto al presidente Vladimir Putin e al premier Dmitri Medvedev, quest’anno c’era anche il presidente del Kazakistan, Nursultan Nazarbayev.

“La Russia è pronta a lavorare a un moderno sistema di sicurezza non basato su blocchi contrapposti – ha affermato Vladimir Putin durante la parata, aggiungendo che – il Paese è aperto all’unificazione degli sforzi con altri stati per lottare contro il terrorismo”. Il presidente poi ha detto che è stato il “popolo sovietico a portare libertà ad altri popoli”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS