UNIONI CIVILI AL RUSH FINALE, RENZI CONFERMA: “METTEREMO LA FIDUCIA” Il premier vuole arrivare all'approvazione definitiva il 12 maggio. Ma i centristi chiedono nuove modifiche al testo

571
dl penale

Inizia il rush finale alla Camera per l’approvazione della legge sulle unioni civili. Nelle intenzioni di Matteo Renzi il voto definitivo dovrebbe arrivare il 12 maggio. Per cercare di blindare il testo anche a Montecitorio il governo ricorrerà ancora una volta alla fiducia. La conferma è arrivata dallo stesso premier. “La prossima settimana avremo la legge sui diritti civili – ha detto a Fabio Fazio – Metteremo la fiducia e il 12 maggio la legge sarà votata”.

Nonostante infatti alla Camera la maggioranza sia ampia, come sempre sui temi etici, i malumori sono trasversali agli schieramenti e non è escluso che per alcune votazioni potrebbero crearsi alleanze alternative. Oggi si inizia nel pomeriggio ma la prima prova è attesa per la mattina di martedì con il voto sulla questione pregiudiziale di costituzionalità presentata dalla Lega. Ma non è questa votazione a seminare qualche preoccupazione, bensì quelle che potrebbero arrivare su alcune correzioni messe a punto da esponenti centristi della maggioranza.

C’è, ad esempio, chi non si dà per vinto e insiste nel chiedere che i sindaci possano esercitare l’obiezione di coscienza e, dunque, non celebrare le unioni civili. Sul versante opposto si teme la riapertura del dibattito sulla stepchild adoption, vale a dire la possibilità di adottare il figlio del partner che varrebbe anche per coppie gay. Nessuno immagina che l’Aula della Camera possa dare l’ok a una novità di questa portata ma anche il solo parlarne è inviso ai vertici Dem. Che invece puntano a un via libera veloce e, quindi, senza incidenti per poter aggiungere un tassello al puzzle delle riforme.

Sullo scacchiere parlamentare intanto i gruppi si stanno posizionando, con una parte delle opposizioni tentate dalla scelta di un Aventino bis come segno di protesta contro la fiducia. Forza Italia, che la settimana scorsa ha riunito il gruppo, ha comunque ufficialmente deciso di puntare su un doppio No, bocciando dunque anche nel merito il provvedimento. Un coro dal quale si sono chiamati fuori alcuni deputati e, soprattutto, alcune deputate come Mara Carfagna e Stefania Prestigiacomo: per loro sarà infatti pulsante rosso al momento della fiducia ma verde quando si tratterà di votare le unioni civili.

Ancora da definire invece la linea per i grillini: si dicono pronti a non fare ostruzionismo ma pretendono che la discussione sia libera. La fiducia sarebbe “inaccettabile”, dicono.
Posizione simile a quella di Sinistra italiana, in questo caso, che riunirà i suoi deputati in settimana per decidere l’atteggiamento da tenere: favorevoli a una legislazione più aperta alle coppie gay (e dunque ai veri e propri matrimoni egalitari) i 20 parlamentari voteranno sicuramente contro il governo ma non è ancora definito l’orientamento da tenere al momento del voto sul pacchetto di nuove norme.

Le proteste contro un dibattito strozzato arrivano comunque anche dall’interno della maggioranza. E’ il fronte cattolico, sia dentro Area popolare ma soprattutto dentro il Pd, a chiedere di poter esprimere liberamente il proprio dissenso, in linea con il popolo del Family day. E che chiede quindi una discussione nelle aule parlamentari, tanto più – è l’osservazione – che il governo può’ contare su numeri affidabili a Montecitorio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS