PATAGONICA: “LA FINE DEL MONDO” IN MOSTRA A TRASTEVERE Il progetto fotografico è stato realizzato tra dicembre 2014 e gennaio 2015 in Cile e in Argentina

543
patagonica

Le immense distese di ghiacci della Terra del Fuoco, il parco nazionale Vicente Perez Rosales, quello di Torre del Paine e quello de Los Glaciares: sono il cuore della rassegna fotografica di Luca Bragalli, che verrà esposta al Museo di Roma in Trastevere fino al 12 giugno.

Il progetto fotografico è stato realizzato tra dicembre 2014 e gennaio 2015 in Cile e in Argentina, ed è promosso da Roma Capitale – Sovraintendenza Capitolina ai beni Culturali, inoltre ha ricevuto il patrocinio della Commissione italiana dell’Unesco, della Regione Lazio e dell’Ente del Turismo della Patagonia.

I paesaggi della “fine del mondo” sono immortalati in un ciclo di immagini in bianco e nero, un modo per interpretare in maniera personale dei luoghi tra i più famosi e importanti del patrimonio naturale della Patagonia. La scelta cromatica mette in risalto la profondità delle ombre, il movimento delle nuvole in un cielo in perenne movimento, evidenzia il valore plastico dei volumi delle montagne e accentua la percezione di dinamismo del movimento dei fiumi e dei ghiacciai: la ricerca di un valore assoluto della materia, che accentua ancor più la potenza espressiva della natura, nell’incessante transito degli eventi.

Luca Bragalli, nato a Firenze nel 1972 é architetto paesaggista e fotografo. Si occupa da anni di tematiche legate all’ambiente, dalla progettazione sostenibile alla mitigazione degli impatti dovuti all’urbanizzazione.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS