INCASSA PER SBAGLIO UNA FORTUNA, LA SPENDE E FINISCE NEI GUAI

776
fortuna

Svegliarsi la mattina e ritrovarsi con una fortuna sul proprio conto corrente. E’ il sogno di tutti, ma nel caso di Christine Jiaxin Lee quello che sembrava un “miracolo” si è trasformato in un incubo. La protagonista di questa storia è una studentessa di ingegneria chimica malaysiana residente in Australia che, da un giorno all’altro, ha scoperto di avere uno “scoperto” senza limiti sul suo conto, quasi 3 milioni di euro accreditati – per errore – a suo nome.

Pochi giorni prima del suo 18esimo compleanno, Christine aveva aperto un conto presso la Westpac, una delle quattro principali banche australiane, e si era trovata per errore accreditata di una somma stratosferica. la giovane, però, non si è immediatamente recata allo sportello per segnalare l’errore, al contrario ha iniziato a vivere nel lusso più sfrenato.

In preda a una vera e propria euforia, la ragazza si è data alla pazza gioia e per 4 anni si è tolta numerosi “sfizi”: appartamenti di lusso, vestiti e tanti altri prodotti molto costosi, tutto quello che aveva sempre desiderato, ma non aveva mai potuto avere.

Da qualche tempo, però, Christine sospettava che qualcuno potesse aver scoperto il suo segreto e per questo aveva deciso di lasciare l’Australia il più in fretta possibile: una volta ottenuto il passaporto maylesiano – fingendo di aver perduto il suo – la giovane ha acquistato un biglietto per il primo volo che la riportasse a casa, dai suoi genitori. Purtroppo, però, ad attenderla all’imbarco c’era la polizia, che l’ha arrestata e condotta in carcere.

Christine è stata incriminata per avere ottenuto disonestamente un vantaggio finanziario e per avere consapevolmente investito i proventi di un reato. Il prossimo 21 giugno, la ragazza dovrà comparire in tribunale a Sydney e e firmare due volte al giorno il registro delle presenze alla più vicina stazione di polizia.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS