PARIGI, DOMANI LA PRIMA DOMENICA SENZA AUTO LUNGO GLI CHAMPS-ELYSEES L’iniziativa finalizzata alla riduzione delle emissioni di gas serra causa del surriscaldamento globale

522

Con diversi anni di ritardo rispetto a Roma, Parigi lancia la prima domenica “ecologica” senza auto sugli Champs-Elysees. L’Avenue, uno dei più larghi e maestosi viali della capitale francese, è anche una delle strade più famose del mondo; prosecuzione della Rue de Rivoli, corre per 1.914 metri attraverso l’VIII arrondissement, da Place de la Concorde a est, con il famoso obelisco, a Place Charles de Gaulle (già Place de l’Étoile) a ovest, dove si trova l’Arco di trionfo, formando parte della linea dell’Asse storico.

Dopo questo primo test, la pedonalizzazione dei 2 km di strada nel cuore della metropoli, si ripeterà ogni prima domenica del mese, in coincidenza con l’accesso gratuito ai musei della città. Lo ha annunciato Ana María Hidalgo de Germain, nota come Anne Hidalgo, politica spagnola naturalizzata francese, membro del Partito Socialista e sindaco di Parigi dal 5 aprile 2014.

La decisione dell’isola pedonale è nata in seguito alla Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici (Cop 21) – che si era tenuta dal 30 novembre al 12 dicembre del 2015 – i cui obiettivi sono stati ratificati da 175 Paesi lo scorso 22 aprile presso la sede delle Nazioni Unite. Adottato a Parigi dalle 196 parti della convenzione quadro Onu sui cambiamenti climatici (Unfccc) – “È di gran lunga il maggior numero di paesi che abbiano mai firmato un accordo internazionale in un solo giorno” aveva commentato per l’occasione il Segretario dell’Onu, Ban-Ki moon – punta essenzialmente a limitare l’aumento della temperatura globale al di sotto di 2 gradi Celsius e ad adoperarsi per non superare i 1,5 gradi. L’iniziativa parigina è proprio finalizzata alla riduzione delle emissioni di gas serra, tra le principali cause del surriscaldamento globale degli ultimi 50 anni.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS