A LONDRA TRIONFA KHAN, E’ IL PRIMO SINDACO MUSULMANO

896
khan

Londra si prepara ad abbracciare il primo sindaco musulmano della sua storia. Secondo il rilevamento finale pubblicato dal London Evening Standard, Sadiq Khan – il candidato laburista di origine pachistana e musulmana – avrebbe ottenuto il 43% delle prime preferenze, mentre il candidato tories Zac Goldsmith avrebbe ottenuto il 32%.

Inoltre, se si guarda le seconde preferenze – prese in considerazione solo se nessun candidato raggiunge al primo spoglio il 50% – Khan raggiungerebbe quota 57% contro il 43% dell’avversario.

Khan, 45 anni, è figlio di un’autista d’autobus e sua madre lavorava come rammendatrice. E’ musulmano praticante ma anche favorevole ai diritti gay. Proprio per aver votato a favore del matrimonio fra persone dello stesso sesso, da parlamentare a Westminster, Khan ricevette nel 2013 diverse minacce di morte.

La vittoria del Labour in una delle piazze europee più importanti e in una metropoli come Londra è dunque una consolazione per la dirigenza del partito, diviso ora più che mai per quel leader, Jeremy Corbyn, accusato di aver virato troppo a sinistra. Corbyn ha perso infatti posizioni in Scozia dove diventa la terza forza elettorale dietro agli indipendentisti e ai tories ma ha guadagnato qualche consiglio comunale nel sud dell’Inghilterra.

I cittadini della Gran Bretagna erano chiamati al voto per il rinnovo di 124 consigli comunali locali, dei sindaci di grandi città (la capitale, ma anche Liverpool, Salfrod e Bristol), dei parlamenti «nazionali» del Galles, della Scozia e dell’Irlanda del Nord.I cittadini della Gran Bretagna erano chiamati al voto per il rinnovo di 124 consigli comunali locali, dei sindaci di grandi città (la capitale, ma anche Liverpool, Salfrod e Bristol), dei parlamenti «nazionali» del Galles, della Scozia e dell’Irlanda del Nord.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS