NUOVI RAID AEREI ISRAELIANI CONTRO HAMAS SULLA STRISCIA DI GAZA Tel Aviv dichiara che si è trattato di una reazione agli attacchi subiti nelle ultime 24 ore. Tensione alle stelle nei Territori

583
gaza

La notte scorsa, Israele ha colpito postazioni di Hamas nel sud della Striscia di Gaza, in Palestina, dopo cinque episodi in ventiquattr’ore di tiri di mortaio contro pattuglie israeliane lungo il confine. Israele ha reagito con la sua aviazione colpendo una serie di postazione di Hamas nel sud della Striscia, nella zona di Rafah.

La tensione non è dunque diminuita, nonostante un alto funzionario dell’ufficio politico di Hamas, Musa Abou Marzouk avesse annunciato che era stata raggiunta una mediazione tra le parti grazie all’intervento dell’Egitto, lo stesso mercoledi scorso.

Tel Aviv sostiene, tramite il portavoce militare Peter Lerner, che Hamas avesse ripetutamente sparato e lanciato razzi contro “soldati israeliani impegnati in attività operative di difesa nei pressi della barriera di sicurezza con la Striscia”, ovvero, nell’operazione cosiddetta Protective Edge, per individuare i tunnel che da Gaza conducono a Israele.

Bulldozer israeliani sulla barriera di sicurezza al confine di Gaza
Bulldozer israeliani sulla barriera di sicurezza al confine di Gaza

Musa Abu Marzouk ha pubblicato invece un post sulla sua pagina Facebook: “Quello che è successo sul confine di Gaza è stato un tentativo sionista di imporre una nuova condizione nella zona. Questo ha provocato un intervento di Hamas al fine di evitare che l’esercito israeliano agisse Abbiamo parlato con i nostri fratelli in Egitto, che stanno rivedendo il recente cessate il fuoco e si sono mossi rapidamente per riportare la situazione allo status quo ante”.

Secondo quanto dichiarato da Hamas, tramite Abou Marzouk, Israele era avanzata nei territori palestinesi per circa 150 metri oltre la barriera di confine. I colpi di mortaio sarebbero serviti ad impedire ai bulldozer israeliani di avanzare ulteriormente.

Dopo il cessate il fuoco della scorsa estate, ad agosto, in particolare negli ultimi due mesi si è assistito ad una nuova escalation del conflitto israelo-palestinese. È, questo, il quinto intervento militare israeliano sulla Striscia di Gaza dal 2006, quando il movimento islamista di Hamas ha vinto le elezioni in Palestina.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS