ARRETRA IL “TAX FREE DAY”, NEL 2015 IMPRESE “LIBERE” IL 9 AGOSTO Nel 2014 il giorno in cui gli imprenditori hanno iniziato a destinare i guadagni alle proprie famiglie anziché al Fisco era caduto il 20 agosto

804
tasse

Nel 2015 il Tax free day, cioè il giorno in cui l’imprenditore può finalmente cominciare a destinare i guadagni aziendali all’impresa e alla propria famiglia, è arretrato di 11 giorno. Lo scorso anno è caduto infatti il 9 agosto, mentre nel 2014 ha coinciso con il 20 agosto. A rilevarlo è “Comune che vai fisco che trovi”, l’Osservatorio Cna sulla tassazione della piccola impresa, giunto alla terza edizione, che analizza 124 comuni italiani.

L’indagine, a partire da tutti i capoluoghi di regione e di provincia, prende a riferimento l’impresa-tipo individuale: cinque dipendenti, 430mila euro di fatturato e 50mila euro di utili. Ma per la Cna (che al riguardo presenta 10 proposte) ”si può e si deve migliorare il sistema tributario”. Tre le direttrici: ”una più consistente riduzione della pressione fiscale; il capovolgimento della tendenza a trasferire sulle imprese gli oneri dei controlli; l’uso intelligente della leva fiscale per aumentare la domanda interna”.

L’anno scorso infatti ha segnato una “positiva” discontinuità sul fronte fiscale, con artigiani, micro e piccole imprese che hanno visto calare il peso della tassazione complessiva (Total tax rate) al 60,9 per cento: il 3,6% in meno rispetto al picco toccato nel 2012: 64,5%. Ma nel 2016 la musica purtroppo cambia: il calo della pressione fiscale si arresta. L’Osservatorio Cna sula tassazione prevede addirittura un lieve incremento del Total tax rate (+0,1 per cento) destinato a salire al 61% complessivo. Accanto a una ”obiettiva ragione di soddisfazione”, secondo le piccole imprese il livello della pressione fiscale in Italia resta comunque intollerabile (19,4 punti in più della media europea) e ”fortemente penalizzante per l’attività imprenditoriale”. Inoltre, la maggior parte degli interventi della L.Stabilità 2016 ”non produrranno effetti sensibili” sulle Pmi, se non il beneficio dal super ammortamento per gli investimenti effettuati in corso d’anno.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS