IN MOSTRA AL GAM TORINO “ORGANISMI”: L’ART NOUVEAU INCONTRA LA CONTEMPORANEITA’ Inaugurata la nuova stagione espositiva sotto la direzione artistica di Carolyn Christov-Bakargiev

830
gam

La Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino (anche conosciuta come Gam Torino) inaugura la nuova stagione espositiva sotto la direzione artistica di Carolyn Christov-Bakargiev – scrittrice, storica e curatrice d’arte statunitense – con una mostra collettiva dal titolo “Organismi”, curata dal Direttore insieme a Virginia Bertone, conservatore del museo. Organismi è una mostra d’arte, architettura, design, fotografia e cibo che mette in relazione l’Art Nouveau (noto in Italia anche come stile floreale o stile Liberty, movimento artistico-filosofico attivo nei decenni a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento, che influenzò arti figurative, architettura e arti applicate) con la contemporaneità. Propone una nuova visione delle relazioni tra le prospettive organicistiche del tardo Ottocento e degli inizi del Novecento e le visioni biocentriche di oggi.

Il primo momento dedicato all’Art Nouveau ha per protagonista il visionario Émile Gallé di cui sono in mostra raffinati vasi e mobili. E ancora: i disegni dell’architetto Liberty Raimondo d’Aronco e quelli di carattere scientifico di Santiago Ramon y Cajal, scopritore del neurone. Il 2000 è rappresentato dalle opere dell’artista francese Pierre Huyghe che da alcuni anni crea veri e propri ecosistemi come opere d’arte contemporanea, nonché dal botanico Patrick Blanc, inventore dei “muri vegetali”, e dall’architetto Mario Cucinella, la cui visione di un’architettura ecologica e sostenibile è fondata sul principio che ogni edificio debba entrare in empatia con il clima e la cultura che lo ospita. La mostra si conclude con rari documenti relativi alla storia del movimento Slow Food. La mostra è realizzata con il sostegno della Compagnia di San Paolo e della Fondazione Crt e resterà aperta fino al prossimo 6 novembre.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS