NUOVI GUAI PER CRISTINA KIRCHNER: PM CHIEDE INCHIESTA SUL SUO TESORO L'ex presidente dell'Argentina e suo figlio sono sospettati di aver usato falsi contratti immobiliari per riciclare tangenti

557
KIRCHNER

Nuovi guai per Cristina Fernandez de Kirchner. Infatti un pm argentino ha richiesto l’apertura di un’inchiesta per arricchimento ingiustificato contro l’ex inquilina della Casa Rosada e suo figlio Maximo, sospettati di aver usato falsi contratti immobiliari per riciclare tangenti su opere pubbliche attribuite con sovraprezzo a imprenditori amici.

Al centro della denuncia si trova la società Los Sauces, fondata da Nestor Kirchner, marito e predecessore di Cristina alla presidenza dell’Argentina, che avrebbe sottoscritto contratti d’affitto fittizi con Lazaro Baez – imprenditore delle costruzioni attualmente in carcere con l’accusa di riciclaggio – per camuffare tangenti su contratti di opere pubbliche attribuiti senza appalto.

Secondo quanto sostiene la procura, gli affitti fittizi – di appartamenti in diversi immobili costruiti da Baez su terreni di proprietà dei Kirchner – erano usati dallo stesso Baez e da un altro imprenditore, Cristobal Lopez, attualmente sotto inchiesta per evasione fiscale, per “restituire” alla famiglia del presidente una percentuale sui contratti pubblici.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS