UN GIOCO DI PAROLE PER CELEBRARE LO STAR WARS DAY

599
star wars

“May the fourth be with you”: oggi si celebra lo Star Wars Day, una giornata dedicata alla famosa saga cinematografica, divenuta ormai un fenomeno di costume che ha conquistato giovani e meno giovani. Alla base della scelta di festeggiare proprio il 4 maggio c’è un simpatico gioco di parole tra lo slogan “May the Force be with you” (“Che la Forza sia con te”) utilizzata dai cavalieri jedi e la frase “May the fourth be with you” (“Che il 4 maggio sia con te”), dato dal doppio significato della parola “May” (in relazione al contesto può significare “possa” oppure “maggio”) e dall’assonanza tra le parole “force”(“forza”) e fourth (“quattro”).

La prima apparizione della frase “May the fourth be with you”, però, non è attribuibile ai fan di Star Wars, bensì al partito repubblicano inglese. Infatti, quando il 4 maggio del 1979 Margaret Thatcher divenne la prima donna a essere eletta Primo ministro del Regno Unito, il suo partito pubblicò sul “The London Evening News” un augurio che recitava “May the Fourth Be with You, Maggie. Congratulations.”

Protagonisti di questa giornata, dunque, sono i fan della saga e i personaggi dei film, ma nel corso degli anni questo appuntamento si è trasformato in qualcosa di più rispetto a un semplice raduno: gare di cosplay, quiz, mostre di opere e memorabilia, convegni, incontri con gli attori e tanti altri eventi sono stati organizzati nelle edizioni precedenti.

Quest’anno, in Italia, la giornata sarà un’occasione per presentare una speciale iniziativa benefica promossa da “Star Wars: Force for Change”, il progetto firmato Disney e Lucasfilm che vuole ispirare le persone ad avere un impatto positivo sul mondo che le circonda: presso il Policlinico Gemelli di Roma e l’Ospedale Niguarda di Milano i giovani degenti e le loro famiglie saranno invitati a una speciale proiezione di “Star Wars: Il Risveglio della Forza”, l’ultimo episodio della saga.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS