PAUL MCCARTENY INCONTRA LE DONNE CHE ISPIRARONO LA CANZONE “BLACKBIRD” Fu la storia dei "Little Rock Nine" a ispirare McCartney e a spingerlo a scrivere il testo di "Blackbird"

631
MCCARTNEY

Paul McCartney, storico membro dei Beatles, ha incontrato per la prima volta le donne che hanno ispirato la famosa canzone “Blackbird”, contenuta nel “White Album”, durante il backstage del suo concerto a Little Rock, in Arkansas. Un incontro che lo stesso artista ha definito “incredibile” e che è stato anticipato da una breve presentazione del brano al pubblico: “negli anni Sessanta c’erano un sacco di problemi sui diritti civili, in particolare qui a Little Rock. La notizia arrivò persino a noi in Inghilterra, quindi questo è un luogo molto importante per noi, perché per me, qui è dove i diritti civili hanno iniziato”.

Le due donne in questione sono Thelma Mothershed Wair ed Elizabeth Eckford,  membri del “Little Rock Nine”, un gruppo di 9 studenti neri che negli anni ’50 iniziarono a frequentare la Little Rock Central High School – una scuola superiore frequentata esclusivamente da studenti bianchi – dopo una sentenza della della Corte suprema degli Stati Uniti che dichiarò definitivamente  incostituzionale la segregazione razziale nelle scuole pubbliche.

Questi 9 ragazzi, quindi, divennero loro malgrado il simbolo della lotta alla discriminazione razziale all’interno del sistema scolastico americano, e si ritrovarono al centro di numerosi dibattiti. L’applicazione della sentenza infatti, scatenò non poche reazioni di sdegno, soprattutto nel “profondo” sud: lo stesso governatore dell’Arkansas, Orval Faubus, manifestò chiaramente contro il loro ingresso nella scuola.

Fu proprio la storia dei “Little Rock Nine” a ispirare McCartney e a spingerlo a scrivere il testo di “Blackbird” : “cercare di capire che cosa stava succedendo e sostenere la gente che stava passando attraverso quei problemi mi ha fatto venire voglia di scrivere una canzone che magari avrebbe potuto aiutarli un po’”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS