SCOPERTI 3 NUOVI PIANETI POTENZIALMENTE ABITABILI: “SONO SIMILI ALLA TERRA” I tre nuovi "mondi" sono stati individuati grazie al super telescopio belga "Trappist"

833
terra

“I pianeti potenzialmente abitabili potrebbero essere più numerosi di quanto si sia mai creduto”, lo affermano gli astronomi dell’Istituto di Astrofisica e Geofisica dell’Università di Liegi, in Belgio, dopo una lunga ricerca che ha portato alla scoperta di 3 pianeti molto simili alla Terra per temperatura e dimensione.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Nature”, dimostra che questi pianeti ruotano intorno a una stella nana rossa più fredda del Sole, che si trova a soli 40 anni luce da noi, nella costellazione dell’Acquario. I tre nuovi “mondi” sono stati individuati grazie al super telescopio belga “Trappist”, installato in Cile presso lo European Southern Observatory: “grazie ai telescopi giganti che sono attualmente in costruzione – specificano i ricercatori – saremo presto in grado di studiare la composizione dell’atmosfera di questi pianeti, in modo da cercare la presenza di acqua e tracce di attività biologica. Si tratta di un enorme passo avanti nella ricerca di vita nell’universo”.

I tre pianeti, spiegano in ricercatori, sono prettamente rocciosi e hanno molte caratteristiche in comune con la Terra e con Venere. La loro più grande particolarità, però, è la durata dei loro periodi orbitali – decisamente breve – che “indica che i pianeti si trovano 20-100 volte più vicini alla loro stella di quanto lo sia la Terra al Sole”, aggiungono gli astrofisici di Liegi. “Questo è il più grande premio possibile per l’astronomia – concludono i ricercatori – perché sarà possibile determinare se questi pianeti hanno le condizioni per sostenere la vita, entro una generazione”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS