LONDRA CELEBRA IL GENIO DI OTTAVIO MISSONI, L’ARTISTA DEL COLORE La mostra, intitolata Art Colour, sarà un susseguirsi di vere e proprie creazioni artistiche

524
missoni

Uno stile inconfondibile, una storia prima di tutto umana, poi professionale, un caleidoscopio di colori e forme: il marchio Missoni riassume in sé tutto questo e una mostra a Londra celebrerà il genio di colui che per primo intuì il potere di una creazione sartoriale, Ottavio Missoni. La mostra – organizzata dal Maga di Gallarate in collaborazione con Woolmark – aprirà il 6 maggio ed è solo uno dei numerosi eventi che caratterizzeranno il fitto caendario del Fashion and Textile Museum di Londra.

Ottavio Missoni e la sua inseparabile moglie Rosita iniziarono la loro avventura proprio nella capitale britannica, quando nei giorni delle olimpiadi del 1948 il futuro designer partecipava correndo i 400 ostacoli sulla pista di atletica leggera e, tra la folla, vide quella che sarebbe diventata la compagna di una vita. Da quel momento i due furono inseparabili e diedero vita a una piccola azienda di maglieria destinata a fare la storia della moda e diventata un vero e proprio simbolo dell’eccellenza made in Italy.

La mostra, intitolata Art Colour, sarà un susseguirsi di vere e proprie creazioni artistiche: colori intrecciati, motivi a zig-zag, strisce, onde, patchwork, geometrie e motivi floreali. Oltre ai capi Missoni, la mostra ospiterà anche i capolavori di artisti modernisti che ispirarono la fantasia e le mani di Ottavio Missoni: da Sonia Delaunay a Lucio Fontana al futurista Gino Severini.

“Si tratta della prima esibizione importante per esplorare lo stile iconico della maison Missoni – spiega entusiasta Celia Joicey, direttrice del Fashion and Textile Museum -, in un mix fra moda e arte che affascina sempre e che, in questo caso, sottolinea l’importanza del dialogo fra artisti, designer e industria nell’Italia del dopoguerra”.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS