SIRIA, DE MISTURA: “INIZIA UNA SETTIMANA CRUCIALE PER RILANCIARE LA TREGUA” Nel frattempo l'esercito siriano ha prolungato di altre 24 ore la tregua temporanea intorno alla capitale Damasco e alla regione costiera di Latakia, ma il cessate il fuoco esclude Aleppo

685
ginevra

Questa sarà “una settimana cruciale per la diplomazia internazionale per rilanciare l’accordo promosso il 27 febbraio scorso con il sostegno dell’Onu da Russia e Usa e che aveva prodotto una tregua che aveva salvato tante vite e dato tanta speranza ai siriani”. E’ quanto ha dichiarato l’inviato speciale dell’Onu per la Siria, Staffan de Mistura, che ha sottolineato l’importanza del cessate il fuoco in un Paese che solo nelle ultime 72 ore ha registrato più di duecento vittime tra la popolazione civile ad Aleppo, dove anche ospedali e luoghi pubblici sono stati colpiti in maniera indiscriminata.

L’inviato Onu ha sottolineato l’importanza di non deludere i siriani, rimarcando quanto detto nella giornata di domenica da Papa Francesco, che durante il Regina Coeli ha esortato “tutte le parti coinvolte nel conflitto a rispettare la cessazione delle ostilità e a rafforzare il dialogo in corso, unica strada che conduce alla pace”. Il Pontefice inoltre ha espresso il “suo profondo dolore per la disperata situazione umanitaria” in cui versa la Siria.

“Siamo grati per il messaggio di Papa Francesco che rafforza grandemente l’appello dell’Onu di giovedì scorso per un rilancio urgente del cessate il fuoco in Siria – ha aggiunto de Mistura -. La Sua preoccupazione in particolare per la popolazione civile rimasta ad Aleppo è anche la nostra”.

Nel frattempo l’esercito siriano ha prolungato di altre 24 ore la tregua temporanea, dichiarata venerdì scorso, intorno alla capitale Damasco e alla regione costiera di Latakia, ma il cessate il fuoco esclude Aleppo, la più grande città siriana e terreno di scontro tra ribelli e forze fedeli al presidente Bashar Assad, dove circa 250 civili sono rimasti uccisi nei combattimenti dell’ultima settimana, secondo fonti degli attivisti.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS