COLOMBIA, ARRESTATO GALVEZ, IL SUPER NARCOTRAFFICATE PERUVIANO Il boss è stato fermato in un centro commerciale ed espulso in Perù perché senza permesso di soggiorno

443
galvez

Importante colpo alla malavita in Colombia, dove la polizia locale ha annunciato la cattura di un uomo definito come il trafficante di droga più ricercato del Perù, Gerson Galvez. Detto “Caracol” (lumaca), considerato il nuovo “El Chapo” – l’erede del boss messicano Joaquim Guzman, recentemente arrestato – secondo le autorità statunitensi Galvez è il maggior produttore di cocaina al mondo.

Capo della banda criminale “Barrio King”, Galvez controllava il traffico di cocaina nella città portuale di Callao ed era ricercato, in patria, per un centinaio di omicidi. È descritto come “il criminale più ricercato del Perù” e la sua organizzazione criminale sarebbe coinvolta in estorsioni e agguati, tri i quali quello contro l’imprenditore Gerald Oropeza, indagato per presunto traffico di droga e riciclaggio di denaro.

Il boss è stato arrestato in un centro commerciale a Medellin ed espulso in Perù perché senza permesso di soggiorno. Era stato individuato a marzo in Ecuador e i suoi movimenti erano stati seguiti poi a Panama e in Colombia. A Medellin possedeva un appartamento di lusso e si trovava in Colombia sia per affari – sembra per contattare ex membri del defunto cartello della droga “Envigado Office” – sia per motivi personali: stare vicino alla sua fidanzata, una cittadina venezuelana che vive nella città colombiana. Secondo gli inquirenti, l’individuazione di “Caracol” è stata possibile grazie al “rigoroso lavoro di intelligence” che ha permesso di rilevare il luogo di residenza, la routine quotidiana e i suoi collaboratori. Fino ad arrivare all’arresto del nuovo “chapo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS