MUSICA ROCK NELLA CAPPELLA SISTINA, THE EDGE INCONTRA BERGOGLIO Il chitarrista degli U2 ha cantato quattro brani e dedicato al Pontefice la canzone "Walk On"

1721

Per la prima volta nella storia, nella Cappella Sistina sono riecheggiate le note del rock. Ieri sera, The Edge, il chitarrista degli U2, ha suonato alcuni suoi brani nello scrigno dell’arte rinascimentale affrescato da Michelangelo, in occasione di una conferenza sulla medicina regenerativa, svoltasi in questi giorni in Vaticano. In tal modo si è così conquistato il primato di essere la prima rock star a suonare nella Sistina, che il musicista ha definito “la più bella del mondo”.

Il chitarrista ha scelto “If it be your will”, di Leonardo Cohen, insieme ad altri tre brani degli U2 (“Yahweh”, “Ordinary love” e “Walk”) per un mini-concerto accompagnato da un piccolo coro formato da sette adolescenti irlandesi. Il pubblico che ha affollato la Cappella era formato da circa 200 dottori, ricercatori e filantropi intervenuti alla conferenza, dove si è discusso di nuove cure per il cancro.

The Edge, il cui padre è morto di tumore, e la cui figlia è riuscita a lottare contro la leucemia, fa parte del comitato di alcune fondazioni che lavorano sulla prevenzione e sulla ricerca del cancro. Prima di iniziare l’esibizione, il chitarrista ha riso e scherzato con il pubblico: “Quando mi è stato chiesto di essere il primo artista contemporaneo a suonare nella Cappella Sistina non sapevo cosa dire perché solitamente è un altro a cantare” ha detto il chitarrista facendo riferimento a Bono.

“Essendo un irlandese ho imparato molto presto che per essere invitati nuovamente è molto importante ringraziare il parroco locale”. Cos ha voluto ringraziare Papa Francesco, al quale ha dedicato “Walk on”, scritta nel 2000 per Aung San Suu Kyi, quando si trovava ancora sotto arresto. “Sta facendo un lavoro incredibile – ha detto The Edge parlando del Pontefice – e spero che possa continuare a lungo.Lui è veramente il Papa della gente”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS