PARTITA APERTA PER IL MISE: IL NOME NUOVO E’ CHICCO TESTA In salita le quotazioni del presidente di Assoelettrica. Ma in pole c'è ancora De Vincenti

420
testa

Chicco Testa potrebbe raccogliere l’eredità di Federica Guidi al vertice del ministero per lo Sviluppo Economico. Dopo alcune settimane di riflessione Matteo Renzi potrebbe affidare il Mise al presidente di Assoelettrica ed ex presidente dell’Enel. Anche se restano ancora delle possibilità che l’incarico possa andare a Vasco Errani, una soluzione “politica”, in grado di riportare la pace con la minoranza Pd.

Restano alte anche le quotazioni dell’attuale sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, che proprio dal Mise, dove era sottosegretario, è approdato a palazzo Chigi. Della partita sono ancora la parlamentare del Pd Paola De Micheli e l’ex sindacalista Teresa Bellanova.

I giochi non sono ancora chiusi quindi ma il premier, nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri di venerdì, ha detto di contare di arrivare ad una soluzione “entro la prossima settimana”. Sempre la prossima settimana potrebbe definirsi, dopo mesi di polemiche, la questione legata a Marco Carrai. Al termine del Cdm Renzi ha sottolineato la scelta di separare nettamente le nomine istituzionali da quelle di staff, suggerita dal Colle, ma ha anche ribadito che su Carrai non torna indietro. Nello staff, ha spiegato, “ci sono grandissimi professionisti e altri stanno arrivando. Persone con le quali lavoro da anni e nel caso di Marco Carrai da più di dieci anni. Sono collaboratori del presidente del Consiglio corrente e lasciano quando il premier se ne va, succede così in tutto il mondo”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS