INDIA, EMERGENZA INCENDI: IN FIAMME LO STATO DI UTTARAKHAND Gli incendi boschivi sono molto frequenti in questa zona dell'India

524
INDIA

Un vasto incendio sta sconvolgendo l’India, più precisamente lo Stato settentrionale di Uttarakhand, estendendosi su più di 2 mila ettari e coinvolgendo 5 distretti della regione collinare. Lo riporta il sito dell’agenzia di stampa Ani. Secondo fonti governative sarebbero almeno 6 mila gli uomini schierati per tentare di circoscrivere l’incendio, tra Protezione civile, Vigili del fuoco ed Esercito.

E’ stata la siccità a creare le condizioni ideali per la nascita di un evento di tale portata, non a caso da circa 3 mesi numerose zone dello Stato sono state teatro di centinaia di incendi che hanno causato gravi danni al patrimonio forestale e che hanno portato alla morte di almeno 7 persone, tra le quali anche un bambino.

A complicare una situazione già critica, il difficile accesso alla zona coinvolta dall’incendio, che ha costretto l’aviazione indiana a inviare alcuni elicotteri MI-17 che utilizzano l’acqua del lago Bhimtal per tentare di contenere le fiamme. “La nostra missione è prendere l’acqua del lago e trasportarla nelle zone dove le fiamme rendono impossibile l’intervento degli uomini a terra – spiega uno dei comandanti dell’aviazione indiana -, ma dobbiamo comunque mantenere una distanza di almeno 100 metri dalle fiamme, per una questione di sicurezza”. Gli elicotteri utilizzati, precisa il militare, possono trasportare ben 5 mila litri di acqua.

Gli incendi boschivi sono molto frequenti in questa zona dell’India, soprattutto nella stagione estiva, ma questa volta le fiamme si sono estese con molta velocità e il terreno asciutto – dopo mesi di assenza di pioggia – ha solo facilitato il propagarsi dell’incendio.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS