BRENNERO, VIENNA: “BARRIERE SOLO SE SARA’ NECESSARIO” Secondo Der Spiegel, l'Ue sta preparando un piano per impedire, "con misure drastiche", il temuto flusso estivo di profughi dal Nord Africa

532
BRENNERO

“Noi prepareremo degli impianti alle frontiere, ma non introdurremo barriere fino a quando la situazione non lo richieda”. Lo ha ribadito il ministro dell’Interno austriaco Wolfgang Sobotka, a Potsdam, in conferenza stampa con il collega tedesco Thomas de Maiziere, a proposito del “confine altamente sensibile” al Brennero.

A 24 ore dall’incontro di Roma tra il ministro dell’Interno Angelino Alfano e il suo omologo austriaco Wolfgang Sobotka, che ha messo un freno alla volontà di Vienna di costruire una barriera anti-migranti al confine, Germania e Austria rimettono ogni responsabilità al Paese che in questi anni, scrive la Suddeutsche Zeitung, salvando «decine di migliaia di profughi in mare» ha salvato «anche la dignità dell’Europa».

La situazione al Brennero «dipende prima di tutto dall’Italia», dice il ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maiziere a Postdam, durante una conferenza stampa congiunta con Sobotka, sottolineando che la Germania condivide la posizione dell’Austria «secondo la quale alla frontiera settentrionale dell’Italia non si deve creare una situazione come quella sulla rotta dei Balcani.

Secondo Der Spiegel, l’Ue sta preparando un piano per impedire, “con misure drastiche”, il temuto flusso estivo di profughi dal Nord Africa attraverso la rotta mediterranea. Tra le misure, oltre alla creazione di “centri temporanei di raccolta per profughi e migranti” sul suolo libico, si menziona l’ipotesi di “aree di carcerazione”. Lo rivela il quotidiano tedesco, che ha visionato un documento di 17 pagine, elaborato dal servizio europeo per l’azione esterna che sostiene l’attività dell’Alto rappresentante Ue.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS