MILANO, MAXI OPERAZIONE ANTIDROGA: SEQUESTRATI 100 KG DI STUPEFACENTI Gli arrestati, irregolarmente presenti sul territorio nazionale, erano già noti alle forze dell'ordine

681
milano

Tre pusher arrestati e più di 100 chili di droga sequestrati dai carabinieri a Milano e nell’hinterland a Cologno Monzese. Una maxi operazione antidroga ha portato all’arresto in flagranza di due uomini e una donna, tutti di origini marocchine, rispettivamente di 33, 44 e 25 anni. Gli arrestati, irregolarmente presenti sul territorio nazionale, erano già noti alle forze dell’ordine sempre per reati attinenti allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Le indagini sono iniziate quando alcuni cittadini hanno segnalato che una strada periferica di Cologno Monzese era oramai divenuta ritrovo abituale di nordafricani che trafficavano sempre attorno alla stessa macchina utilitaria. Così, i tre soggetti sono stati bloccati a Milano, in zona “Cimiano’”, mentre a bordo di altre due vetture si allontanavano da un box condominiale.
La perquisizione dei veicoli compiuta dai Carabinieri ha condotto al rinvenimento di 2,5 chili di hashish, divisi in panetti ed ovuli, oltre alla disponibilità di più di 400 euro in contanti. Inoltre, l’ispezione effettuata sul garage ha poi portato al rinvenimento di un furgone Fiat Scudo, all’interno del quale sono stati trovati altri 90 chili contenuti all’interno di borse e valigie.

I controlli sono stati, poi, estesi anche all’utilitaria parcheggiata a Cologno Monzese, rinvenendo oltre 7,5 chili di hashish e 40 grammi di cocaina nel bagagliaio dell’auto, oltreché presso le abitazioni degli arrestati, a Pioltello, dove sono stati sequestrati altri 850 grammi di cocaina, nonché la somma di 7.000 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di spaccio.
Secondo la ricostruzione degli investigatori della Compagnia di Sesto San Giovanni (MI), il furgone serviva come deposito dello stupefacente, dal quale i pusher prelevavano i quantitativi destinati allo ”smercio”, mentre l’utilitaria di Cologno Monzese costituiva un nascondiglio temporaneo, in attesa dei compratori. Ora, i carabinieri stanno procedono con gli accertamenti in merito alla provenienza della droga e alla rete dei “clienti”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

NO COMMENTS